Barilla: ritirata la candidatura per l’Ambrogino d’Oro

di

I due consiglieri del Pdl che avevano proposto Guido Barilla per il prestigioso riconoscimento, hanno ritirato la candidatura: "Non vogliamo rischiare polemiche".

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5652 0

Era stato candidato per l’Ambrogino d’Oro, la massima onorificenza che il comune di Milano conferisce ogni anno ad un milanese che si sia particolarmente distinto. Ora, però, Guido Barilla è fuori dai giochi. I due consiglieri comunali del Pdl che lo avevano proposto, infatti, hanno ritirato la candidatura, complice la rumorosa querelle con la comunità lgbt, conclusasi appena ieri . “Non vogliamo incorrere in polemiche – hanno dichiarato Pietro Tatarella e Matteo Forte – proporremo la sua candidatura l’anno prossimo, per discuterne con maggiore serenità”. Proprio ora che la rottura sembra essersi sanata, non è chiaro a quali polemiche pensano di andare incontro i due consiglieri che evidentemente considerano “l’affaire Barilla” tutt’altro che chiuso. A spingerli a proporre il patron della pasta e delle merendine per il prestigioso riconoscimento, erano stati i numeri di Barilla, che vanta sedi e stabilimenti in nove paesi e 8 mila dipendenti, e il fatto che lui, Guido, è nato a Milano. Adesso, però, l’appuntamento con l’Ambrogino d’oro è rimandato al prossimo anno.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Zackie Oh: sit-in davanti l'ambasciata greca a Roma
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...