Bayer: niente pensione di reversibilità per il vedovo gay

Erano sposati in Connecticut ma l’azienda farmaceutica si rifiuta di pagare.

Gerald Passaro, omosessuale del Connecticut, ha citato in giudizio il colosso farmaceutico Bayer Corporation dopo che l’azienda si è rifiutata di versargli la pensione di reversibilità.

Secondo Bayer, l’uomo non ha diritto ad ottenere quei soldi nonostante il suo matrimonio con Thomas Buckholz, un dipendente di Bayer per oltre 20 anni.

Gerald e Thomas sono stati assieme 13 anni prima di celebrare il loro matrimonio nel novembre 2008. Un matrimonio brevissimo perché Buckholz morì nel gennaio 2009, appena due mesi dopo. È a questo punto che Passaro fa richiesta per ricevere i benefici del piano pensionistico aziendale che, in caso di morte dell’intestatario, dovrebbe essere versato al coniuge vivente, ma Bayer punta i piedi. Secondo l’azienda, la richiesta di Passaro non è ammissibile in quanto si scontrerebbe con il Defense of Marriage Act.

Ecco di cosa si tratta: il Defense of Marriage Act, meglio conosciuto come DOMA, era una legge che faceva cadere l’obbligo di reciprocità fra stati nel caso di un matrimonio gay. In pratica, se una coppia si sposava in uno degli stati che riconoscono le nozze gay, il loro matrimonio e i diritti annessi non potevano essere fatti valere in uno Stato che non ha una legge sui matrimoni gay. Una legge che appartiene al passato in quanto dichiarata incostituzionale Corte Suprema.

Ti suggeriamo anche  Costa Rica, sconfitto il candidato omofobo contrario alle nozze same-sex

Passaro, alla luce del verdetto emesso lo scorso giugno, ha chiesto a Bayer di riesaminare il suo caso ma, ancora una volta, senza alcun risultato.

“Nonostante il DOMA sia stato dichiarato incostituzionale, Bayer continua a negare i diritti di Jerry. Tutto questo nonostante il loro piano pensionistico offra vantaggi a tutti i coniugi viventi” spiega il direttore esecutivo di GLAD (Gay & Lesbian Advocates & Defenders). L’organizzazione, che ha preso a cuore la vicenda, sosterrà le spese legali per la causa di Gerald.

Ora la palla passa al tribunale che dovrà sbrogliare questa matassa legislativa.