Boom matrimoni: nell’ultimo anno gli italiani si sono sposati di più

di

Aumenta il numero di separazioni nei matrimoni dalla lunga durata; pochissimi i divorzi nei matrimoni religiosi. Come si inseriranno in questo contesto i dati sulle unioni civili?

CONDIVIDI
40 Condivisioni Facebook 40 Twitter Google WhatsApp
3284 0

Il matrimonio torna in auge. Dati alla mano, secondo l’Istat nel 2015 ci sono stati 4.600 matrimoni in più, il 2,4% in più rispetto all’anno scorso. È l’incremento più alto degli ultimi 8 anni: dal 2008 al 2014 i matrimoni erano diminuiti costantemente e in modo massiccio, circa diecimila in meno all’anno.

E l’aumento è destinato a crescere: nel periodo gennaio-giugno del 2016 ci sono già 3.645 celebrazioni in più rispetto allo stesso periodo del 2015. All’opposto però aumenta la percentuale di separazioni nei matrimonio più lunghi di 10 anni: se la durata media è di 17 anni, nel corso di 20 anni si è passati dall’11,3% di separazioni al 23,5%. Il dato scende drasticamente nei matrimoni religiosi: solo 86 su 1.000 finiscono.

Interessante sarà capire come in questo contesto si inseriranno le statistiche sulle unioni civili: i primi dati parlavano di sole 100 unioni civili nei primi due mesi di effettiva applicazione, contro le 463 prenotate. Sembra che l’effetto, quindi, verrà percepito sul lungo termine.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...