Borriello alla Gazzetta: “In Milan, Juve e Genoa almeno dei bisex”

di

Intervistato dal quotidiano sportivo, il calciatore della Roma spiega che non ha mai conosciuto gay nel calcio, ma quasi certamente dei bisex in Juve, Genoa e Milan.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
7020 0

“Gay non ne ho mai conosciuti, nel calcio“. A dirlo è Marco Borriello, calciatore in forza alla Roma, che non è la prima volta che affronta il tema dell’omosessualità nel calcio.
“Per noi calciatori non sarebbe un problema – ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport a proposito del coming out -. Io poi ho anche alcuni amici gay. Ma non so come i tifosi la prenderebbero”.
Come fa notare QueerBlog, tirare in ballo la possibile, quanto ignota, reazione dei tifosi è una mossa usata, come se la normalizzazione non passasse anche dai coming out delle persone conosciute, in ogni settore.

Borriello, però, ha precisato che di qualcuno dei suoi colleghi ha sospettato un orientamento sessuale non etero. “Non omosessuali puri – ha detto – forse. Magari bisessuali”.
Il giornalista ha cercato di scoprire qualche nome o almeno di farsi confessare qualche indizio utile. “Escludendo la Roma per farla vivere sereno – chiede la Gazzetta -, tra Milan, Juve e Genoa in quale squadra ne ha notati?”. Ovvia la risposta: “In tutti e tre”.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Caravaggio, Forza Nuova e fedeli contro il gruppo di preghiera gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...