Bulut Duman, cantante turco accusato da oltre 50 uomini: ‘ci ricattava dopo aver fatto sesso’

Ma il 28enne nega di aver mai ricattato nessuno, anche se condannato per frode.

Pop star di origine tedesca con due album in studio e una canzone, Tey Tey, campione di visualizzazioni su Youtube, il turco Bulut Duman è stato accusato da oltre 50 uomini di averli prima rimorchiati su un’app gay, poi incontrati ed infine ricattati.

Il 28enne ha visto arrivare denuncie da Istanbul, Bursa e Giresun, secondo i documenti del tribunale riportati da Hurriety Daily News. Le presunte vittime, che comprendono ingegneri, dottori, impiegati pubblici e addirittura il nipote di un ex ministro turco, affermano di aver conosciuto Duman su un sito di incontri gay. Una volta conosciuti e fatto sesso, Bulut li avrebbe minacciati, chiedendo denaro in cambio di prove fotografiche dei loro incontri. Senza il pagamento, scattava la pubblicazione on line.

Dopo essersi rifiutato di consegnare il denaro richiesto, Duman avrebbe creato un falso account Facebook per condividere alcune immagini della vittima con dei suoi collaboratori. L’uomo, che lavorava nella finanza, si è dimesso. Un’altra vittima, ufficiale di polizia, ha detto che Duman gli avrebbe chiesto 14.635 dollari.

Il cantante è stato condannato per frode e condannato al carcere in un caso, ma è stato prosciolto in un altro. Molti processi sono ancora in corso. Dunam ha fatto appello nei confronti della condanna, sostenendo di non aver alcun profilo su applicazioni gay.

‘La maggior parte dei denuncianti si conoscono. Sono loro ad avermi ricattato’.

LEGGI ANCHE

Storie

Singapore, è virale il video della coppia gay accettata dalla...

A Singapore il sesso gay è illegale, ma Faliqh e Kaal non hanno paura di nascondersi.

di Federico Boni | 19 Febbraio 2019

Storie

Studenti gay dell’University of Southern California accusano il medico di...

Accuse pesanti per il dottor Dennis Kelly, 72 anni, nei confronti di alcuni studenti omosessuali.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

Svezia respinge la richiesta di asilo politico: il caso di...

Il suo caso ha dimostrato la vicinanza di molti utenti tramite i social, e di qualche politico.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019