Buttiglione contro “Judas”. Giovanardi: Colosseo è del Papa

di

Doppio attacco a due giorni dall'Europride. Per Buttiglione "Grave se Lady Gaga incitasse odio contro Papa". Giovanardi: il Colosseo non deve avere illuminazione rainbow, "da lì parte la...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2329 0

Dalle fila del centrodestra viene sferrato un doppio attacco all’Europride a soli due giorni dalla parata conclusiva. Ad essere tirata in ballo è ancora lei, Lady gaga, divenuta ormai simbolo di questo Gay Pride internazionale. Secondo il vice presidente della Camera Rocco Buttiglione (Udc), intervenuto a KlausCondicio, il programma tv di Klaus Davi in onda su YouTube, sarebbe grave se la popstar offendesse Gesù come ha fatto con ‘Judas’. «Il mondo gay – ha detto Buttiglione – non si sente rappresentato da chi gira dei video offendendo Gesù, come quello della canzone Judas. Milioni di lesbiche e omosessuali non si riconoscono in chi attacca il Papa e le istituzioni. Se Lady Gaga sabato dovesse rivolgere, dal pulpito del suo ‘comizio’, attacchi al Santo Padre o alla Chiesa Cattolica, milioni di gay moderati non si riconoscerebbero in quelle frasi». A proposito della legge contro l’omofobia, inoltre, Buttiglione ha ribadito che «Le violenze contro i gay le segnalo al Ministero degli Interni e faccio di tutto perché i responsabili vengano presi, processati e condannati se colpevoli. Il garante c’è già ed è la nostra giustizia, la nostra legge, istituire un reato specifico sarebbe pericoloso, perché la nostra Costituzione ci insegna che siamo tutti uguali di fronte alla legge, allontanarsi da questo principio sarebbe pericoloso per i cittadini e le istituzioni».

Il sottosegretario alla Famiglia, Carlo Giovanardi, invece si spinge oltre e coinvolge la popolazione italiana. «La signorina Gaga ha tutto il diritto di criticare, se ritiene, la nostra Costituzione. Ma se nel suo annunciato "comizio" dovesse offenderla, allora commetterebbe un errore. Tra l’altro forse è poco informata sul nostro Paese visto che tutti i sondaggi provano scientificamente come la stragrande maggioranza degli italiani sia schierata contro i matrimoni tra uomo e uomo e tra donna e donna». «Per il popolo italiano – dice – i figli devono crescere all’interno di una famiglia tradizionale: solo così la loro personalità viene tutelata. Quindi Lady Gaga, che viene qui in concomitanza con il lancio del suo nuovo disco, forse dovrebbe essere messa a conoscenza di questo».

Giovanardi a proposito dell’Europride ha aggiunto: «Trovo sbagliato consentire che il Colosseo, simbolo della morte di decine di migliaia di martiri cristiani, venga avvolto dai colori della cosiddetta bandiera arcobaleno». «Il Colosseo – ha detto ancora Giovanardi – è il luogo dove il Papa celebra la Via Crucis, il luogo del martirio di Cristo. È mai possibile che non si trovi un altro monumento da illuminare per la causa dei gay senza intaccare la sensibilità di nessuno?». Alla domanda se andrà mai ad un Gay Pride Giovanardi ha risposto: «Come già annunciato, andrò al Gay Pride quando diventerà una manifestazione civile e non un’occasione per irridere il Santo Padre, prendere in giro i religiosi e chi dedica la propria vita agli altri e mettere in scena travestimenti di ogni genere, modalità che sin sono espresse fino ad ora. Intendiamoci, ognuno è libero – precisa Giovanardi – di fare quello che vuole, ma, finché ci saranno certi eccessi, io non ci andrò».

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...