Cacciati dalla pizzeria per un bacio, li difende la madre

di

E' successo in Svizzera dove due ragazzi si sono baciati dopo aver ordinato la pizza. Quando il cameriere li ha ripresi, la madre di uno di loro ha...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1434 0

Erano andati a mangiare una pizza, Sandro e il suo compagno Michi, insieme alla madre di Sandro, Brigitte, e ad un amico di lei.
Entrati nella pizzeria Piazza d’Arena, a San Gallo, capitale dell’omonimo cantone svizzero, si siedono e ordinano la loro pizza. Dopo aver fatto la comanda, Sandro dà un bacio a Michi, senza immaginare che questo avrebbe potuto causare reazioni di alcun genere.
Immediatamente, un cameriere si avvicina, li rimprovera e gli intima di lasciare il locale. Brigitte, però, tenta di difendere il figlio: "Se fosse stato il bacio di una coppia etero – dice al cameriere la donna – non sarebbe successo nulla". Ma questo non basta e il cameriere insiste perché i due escano dal locale.

"Mi tremavano le mani per la rabbia e l’indignazione – ha raccontato Sandro alla stampa locale -. Non mi sono mai sentito discriminato. Neanche l’esercito ha mai dato peso al mio orientamento sessuale. Tutti sanno che sono gay e mi accettano per quello che sono".
Il ragazzo ha anche mandato una lettera al direttore del ristorante per denunciare l’accaduto. Ma la risposta è stata quanto mai significativa: "La coppia si stava sbaciucchiando e una famiglia seduta al tavolo accanto si era lamentata. In più, Sandro, Michi, Brigitte e il suo amico hanno lasciato il locale di loro spontanea volontà dopo il rimprovero del cameriere". Che abbiano lasciato il locale di loro spontanea volontà o no, poco cambia: voi restereste in un locale in cui siete palesemente sgraditi?

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...