Calci e pugni: aggredita una trans a Firenze

Ancora violenza ai danni di una persona transessuale nel capoluogo toscano. E’ il terzo caso in meno di un anno. Le associazioni: “Condannare questi atti con l’aggravante dell’odio verso i trans”.

Una trans italiana di 39 anni è stata aggredita in Piazza Puccini a Firenze all’alba del lunedì di Pasquetta. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’aggressione è avvenuta al solo scopo di colpire la trans e dato che nulla è stato rubato alla vittima, si esclude l’ipotesi di una rapina. "La ragazza ci ha raccontato di questi due giovani con le teste rasate che si sono avvicinati e l’hanno subito aggredita – racconta Fabianna Tozzi Daneri, presidente di Trans Genere -. Poi sono seguiti gli insulti, i soliti insulti di tutti i generi e l’inseguimento".  I due aggressori, due giovani italiani, hanno colpito la trans a calci e pugni. La vittima ha cercato di scappare salendo in sella al suo motorino. I due l’hanno però raggiunta, facendola cadere dallo scooter e continuando a pestarla, lasciandola esanime a terra. Poi qualcuno, attirato dalle urla della ragazza, ha chiamato la polizia. Ma quando sono arrivati gli agenti, gli aggressori erano già scappati.

"Noi abbiamo le foto che la ragazza ci ha voluto dare per farci capire com’era la situazione – continua Tozzi Daneri – ha il viso completamente tumefatto, l’hanno massacrata".

Adesso la vittima dell’aggressione è tornata a casa, nonostante i traumi alla testa. "Verificheremo anche se questa era la scelta migliore, data la situazione" sottolinea la presidente di Trans Genere. Non è certo la prima volta che Firenze, un tempo simbolo di inclusione, tolleranza e apertura alle diversità, una trans viene aggredita solo per la sua identità.

Ti suggeriamo anche  Russia 2018, via al mondiale - il capo ultrà avverte: 'i gay stiano cauti'

Lo scorso maggio, infatti, dieci giovani in scooter armati di spranghe assalirono due transessuali nel Parco delle Cascine, mentre a luglio del 2009, due trans e una donna di passaggio da Firenze dopo una gita a Gardaland furono aggredite nella centralissima piazza della Signoria.

"Chiediamo al neo-governatore della Regione Toscana di mettere in atto interventi volti a tutelare tutti i cittadini e di adoperarsi affinchè questi odiosi atti di inaudita violenza siano perseguiti in modo esemplare, con l’aggravante dell’odio verso le persone Trans – silegge in una nota di Trans Genere  -. Chiediamo inoltre che le più alte Istituzioni si adoperino affinché questo stato di terrore sia definitivamente cancellato, a tal proposito chiediamo fermamente alla Ministra delle Pari Opportunità di mettere in campo una campagna di tutela e ferma condanna, come promesso da tempo". "E’ il caso di applicare le leggi che tutelano trans e gay che pure in questa regione ci sono – conclude Fabianna Tozzi Daneri- . Le denunce che riceviamo sono solo la punta dell’iceberg di chi ha il coraggio di raccontare e sa a chi rivolgersi. Decine di ragazze vengono malmenate e aggredite e non riescono a chiedere aiuto".