Camera dei Deputati: approvato il testo sull’omofobia

La commissione Giustizia approva il testo promosso da Grillini che introduce pene fino a 4 anni per chi discrimina per motivi di orientamento sessuale e identità di genere.

La commissione Giustizia della Camera ha adottato come testo base la proposta messa a punto dal presidente Pino Pisicchio contro l’omofobia, fortemente voluto da Franco Grillini, e lo ‘stalking’, cioè le molestie reiterate.

La proposta di An di sdoppiare il provvedimento in due testi differenti, uno relativo all’omofobia e uno contro le molestie, è stata respinta a grande maggioranza.

Il centrosinistra ha votato compatto a favore del provvedimento unito, An e Lega hanno votato contro, Forza Italia si è’ astenuta. L’ Udc, che ieri aveva espresso perplessità’ sul testo-Pisicchio, oggi ha votato a favore. Il termine per la presentazione degli emendamenti è stato fissato alle ore 20 di mercoledì 21 novembre.

‘Non è che io sia contraria a prevedere nel testo il reato di omofobia – spiega il deputato di An Giulia Bongiorno – ma così com’ è stato configurato ci piace poco. Non pensiamo sia giusto infatti inserirlo tra i reati di opinione. Se invece si fosse fatto un testo ad hoc per lo stalking noi saremmo stati disposti a votarlo anche oggi”.

”Ma non è affatto vero – interviene Titti De Simone (PRC) – che la proposta era di far diventare l’omofobia un reato di opinione!” anche perché, tuona Franco Grillini (Socialisti), ”i reati di opinione sono stati depenalizzati proprio dalla Cdl nella precedente legislatura per salvare Bossi”. Quella di An, dice Vladimir Luxuria (Prc), ”è solo una scusa perché molti di loro non vogliono che venga punita l’omofobia punto e basta”. Ma cercano di nascondere questo loro intento ”accampando scuse che non esistono”, prosegue Titti De Simone.

Così, nel testo base appena adottato dalla commissione si prevede che venga punito chiunque commetta discriminazioni e violenze per

motivi anche di orientamento sessuale e identità di genere con il carcere fino a 4 anni. ”Comunque – prosegue Giulia Bongiorno – presenteremo diversi emendamenti nel tentativo di migliorare anche questa parte del testo oltre a quella per lo stalking che abbiamo già contribuito a perfezionare prevedendo la diffida prima della fine del processo”.

Ti suggeriamo anche  GF 16, insulti omofobi a Cristian Imparato: Daniele lo chiama "chec*a"

”Sono davvero soddisfatto – sottolinea Grillini tra i presentatori della norma – per come il centrosinistra compatto sia riuscito a respingere quest’ennesimo attacco di An contro la previsione del reato di omofobia. E’ chiaro che le loro sono scuse perché nel testo non si prevedono condanne per la propaganda, ma solo contro chi commette violenze e discriminazioni effettive” contro gli omosessuali.

”Il 20 novembre, e cioè il giorno prima che scada il termine per la presentazione degli emendamenti – spiega ancora Luxuria -, è la giornata mondiale per le vittime transgender perché solo in Italia ce n’è più di una al mese”. ”E’ evidente – prosegue De Simone – che siamo in presenza di una vera emergenza sociale perché

l’omofobia è senz’altro una forma di razzismo”. Molto soddisfatta è anche la responsabile Giustizia dei Verdi Paola Balducci che ha definito ”odiose” la protesta di An e il suo tentativo di sdoppiare il provvedimento all’esame della commissione.