Campagne di prevenzione all’Aids per ArciGay e Mario Mieli

A pochi giorni dalla giornata mondiale contro l’aids, ArciGay e Mario Mieli si mobilitano con due campagne di prevenzione, Il Preservativo Sì e Piacere Subito

Il 1° dicembre in tutto il mondo si celebrerà la giornata mondiale contro l’Aids. In previsione di tale evento, ArciGay e Mario Mieli hanno dato vita a due campagne di prevenzione e di lotta all’Hiv.

Il Preservativo Sì è il nome dato alla campagna dell’Arcigay, orientata contro i pregiudizi, per promuovere efficacemente l’unico strumento per combattere l’Aids, ovvero il preservativo.

Tre locandine informative saranno così appese nei comitati provinciali Arcigay, nei circoli ricreativi e in spazi di socialità in oltre 50 città italiane, a partire dal 1° dicembre 2009 Giornata mondiale per la lotta contro l’HIV/AIDS.

“Abbiamo voluto ribaltare, con un pizzico di ironia, tre dei pregiudizi legati alla diffusione delle malattie a trasmissione sessuale. Non servono infatti la fortuna, i rapporti stabili d’amore o la religione per diminuire il rischio di trasmissione HIV” – ha spiegato il presidente nazionale Arcigay Aurelio Mancuso – “contano solo i comportamenti sessuali consapevoli delle regole del sesso sicuro.”

Alla suora e alle coccinelle dell’Arcigay ha risposto il Mario Mieli, attraverso la campagna Piacere Subito, progetto della durata di un anno, realizzato con il sostegno della Regione Lazio e con la partecipazione dell’Associazione Libellula e dell’Unità di Immunologia clinica dell’Ospedale San Giovanni Addolorata.

Piacere Subito si rivolge in particolare alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, con l’obiettivo di fornire informazioni corrette sulle infezioni sessualmente trasmesse, sul test hiv e sugli altri test e sul sesso sicuro, proponendo comportamenti di prevenzione e per la tutela della salute. Sono quattro le direzioni di intervento nelle quali si muove il progetto: unità di strada, diffusione gratuita di depliant informativi mirati accompagnati da un cd musicale, gruppi di lavoro, un apposito sito internet (www.piaceresicuro.it) e una linea telefonica amica.

Ti suggeriamo anche  Nichi Vendola a spasso per Roma con il figlio Tobia

Dopo una prima fase di interventi e informazione, iniziata a giugno 2009, il progetto entra ora in fase pienamente operativa, con tanto di presentazione ufficiale in occasione del Red Party contro l’aids di Muccassassina , venerdì 27 dicembre, evento di beneficenza in occasione della XXII Giornata mondiale contro l’aids.

Sul palco di Muccassassina saranno presenti rappresentanti delle associazioni e l’Assessore al Bilancio della Regione Lazio Luigi Nieri, che a tale proposito dichiara: “Parteciperò alla presentazione di questo importante progetto, che abbiamo voluto sostenere in Regione nella convinzione che una corretta informazione, nonché puntuali percorsi di prevenzione possano contribuire ad abbassare sempre di più i numeri del contagio di una malattia terribile quale è l’aids, e sulla quale è necessario non abbassare mai la guardia. Per quanto riguarda lo specifico campo di intervento del progetto ‘Piacere sicuro’, particolarmente rilevante mi pare la previsione di una unità di strada che possa andare incontro alle persone dove può essere più alto il rischio di commettere leggerezze che non lasciano scampo; ritengo quindi fondamentale il ruolo di sensibilizzazione degli operatori coinvolti nell’iniziativa. Con il sostegno dato al progetto, infine, intendo ribadire, una volta di più, la mia vicinanza alla comunità glbt, ai suoi bisogni e alle sue esigenze”.

Sarà così prevista la presenza di un’unità mobile (camper), con a bordo operatori e medici, in orari serali e notturni in diversi luoghi all’aperto finalizzati ad incontri sessuali occasionali gay, davanti ai principali luoghi di aggregazione glbt (discoteche, bar, saune, spiagge ed eventi come il Pride e il Primo dicembre) e nei luoghi di prostituzione maschile e trans, con lo scopo di fare informazione e sensibilizzazione.

Ti suggeriamo anche  Ostia, consigliere di Casa Pound rimuove bandiera rainbow: 'un'idiozia, una prevaricazione'

Durante questi interventi verranno distribuiti gratuitamente profilattici, lubrificanti e materiale informativo, con il personale medico che sarà a disposizione per colloqui, approfondimenti ed eventuali controlli, che si svolgeranno a bordo del camper, in un’atmosfera accogliente e informale che garantirà la massima riservatezza.

di Federico Boni