Campania: Mastella incontri presto i gruppi glbt

Polemiche dopo le dichiarazioni del leader Udeur, che commentando la campagna pubblicitaria di Oliviero Toscani, ha affermato che l’operazione del fotografo ha uno scopo tutt’altro che “educativo”.

CASERTA – Sono ieri apparse sulla stampa le dichiarazioni di Clemente Mastella, leader nazionale dell’Udeur, che commentando la campagna pubblicitaria di Oliviero Toscani che ritrae due uomini che si scambiano carezze su un divano, ha affermato che l’operazione del fotografo ha uno scopo tutt’altro che “educativo” e che “avere rispetto e difendere i diritti di qualcuno” non significa “calpestare i diritti degli altri”.

“Sarebbe necessario capire in che modo una foto che ritrae una coppia gay che si scambia carezze su un divano ‘calpesta i diritti degli altri’ – afferma Carmine Urciuoli, Coordinatore Circoli Arcigay del Mezzogiorno – La considerazione che Mastella ha delle persone omosessuali è forse la stessa che nei paesi musulmani c’è per le donne, dove esse devono indossare il burqa che le nasconda agli altri ed alla società. Il ‘problema di non poche persone’, per usare le parole dell’onorevole, non è certo la propria omosessualità, ma vivere in una società che non ti riconosce alcun diritto”.

“Riteniamo necessario un incontro con Mastella, che tra i ben tre candidati alle primarie dalla Campania, di cui due (Pecoraro Scanio e Scalfarotto) appartenenti all’universo glbt, è l’unico ad esprimere una posizione così poco chiara sulle garanzie e le tutele richieste dai cittadini omosessuali, su un territorio dove non si capisce quali siano le priorità”, afferma Veniero Fusco, presidente del Circolo Coming Out e membro per Caserta e Benevento del Coordinamento GLBT della Campania, “mentre registriamo una assenza allarmante, proprio nel beneventano, di servizi alla cittadinanza glbt”.