Canada: vietato donare organi ai gay sessualmente attivi

Lo ha stabilito il dipartimento ‘Health Canada‘ con nuove regole entrate in vigore a dicembre scorso. Indignata la comunità medica.

Gli uomini gay che hanno fatto sesso negli ultimi cinque anni della loro vita non saranno più accettati come donatori di organi secondo le nuove regole di Health Canada, il dipartimento che si occupa di aiutare i cittadini canadesi a mantenere e migliorare il loro stato di salute, entrate in vigore a dicembre scorso.

Le famiglie saranno anche sottoposte a domande riguardo all’eventuale esposizione del potenziale donatore a situazioni particolarmente rischiose come un viaggio o periodi di detenzione

Gary Levy, responsabile del programma trapianti dell’Università di Toronto, ha dichiarato a CBC News di non essere stato informato riguardo a queste nuove regole e ha stimato che in questo modo potrebbero essere esclusi più di sette donatori ogni 100.

"Nel passato, la comunità gay è stata considerata ad alto rischio  a causa della percezione di un comportamento ad alto rischio" ha dichiarato ieri secondo il Toronto Sun.

"Adesso sappiamo che non è una comunità omogenea. Il fatto è che se una persona ha 62 partner, che sia omosessuale o eterosessuale, corre comunque un rischio. Quella comunità è stata etichettata".

Health Canada ha diffuso un comunicato ieri in cui dichiara che "nessun gruppo o associazione si è lamentato" durante le consultazioni ad ampio raggio eseguite riguardo le nuove regole. 

Il Dott. Philip Berger, capo della comunità medica del St. Michael’s Hospital di Toronto, ha dichiarato a Star: "E che succede se si tratta di una coppia gay monogama? Health canada impedirà loro di donare gli organi? E’ ridicolo. E’ noto da vent’anni che il fattore di rischio non è insito nell’essere gay, ma nell’avere comportamenti a rischio". Si stima che 4.000 canadesi siano in lista, in attesa di ricevere un organo.

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Speciale

Netsweeper, l’azienda che fornisce tecnologie per la censura LGBT: raccolta...

Yuri Guaiana, senior campaigns manager di All Out, spiega il pasticciaccio brutto che coinvolge un'azienda canadese, fornitrice di software.

di Federico Boni | 16 Gennaio 2019