Capodanno 2012, le Hawaii pronte a celebrare le unioni gay

Le isole dell’arcipelago si preparano a celebrare le unioni civili lgbt, legali dalla mezzanotte del 1 gennaio 2012. E per il cinquantesimo Stato americano si prevede il boom economico.

Tutto è pronto per celebrare le prime unioni civili alle Hawaii. L’arcipelago si appresta infatti ad entrare nel club ristretto degli stati americani quando, alla mezzanotte del 1 gennaio 2012 entrerà in vigore la legge. A quel punto, in centinaia si troveranno a dire "I do" sulla spiaggia di Waikiki mentre i fuochi d’artificio colorano il cielo di Honolulu per le celebrazioni di Capodanno.

Le agenzie di wedding planning sono già a lavoro da mesi per organizzare il tutto. Le coppie inizieranno la luna di miele il 1 gennaio mentre il 2 completeranno la procedura burocratica ritirando il certificato di matrimonio. A quel punto le hall degli hotel sono organizzate con fiori d’arancio e decorazioni bianche per banchettare insieme in loro onore

Un bel colpo per l’economia dello Stato americano. L’isola di Maui è in vetta alle classifica di gradimento per i promessi sposi di tutta America già da 14 anni, e dal 1 gennaio potrà esserlo anche per le coppie dello stesso sesso. Con questa legge, alle coppie gay vengono garantiti quasi gli stessi diritti delle coppie unite secondo il matirmonio tradizionale.

Ti suggeriamo anche  30 anni fa si celebrava la prima unione gay della Storia
Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo