Carfagna ci ripensa: coppie gay non in programma Governo

La ministra lo ha dichiarato a margine del Meeting di di Cl a Rimini. Solo tre mesi fa aveva dichiarato di aver sfondato il muro della diffidenza verso il mondo omosessuale.

Il riconoscimento delle coppie omosessuali «non è un tema che rientra nel programma di Governo». È quanto ha dichiarato il ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, a margine del Meeting di di Cl a Rimini che ha poi aggiunto «quindi dubito che ci sarà un confronto su un tema come questo, visto che ce ne sono altri all’ordine del giorno che che sono stati individuati come prioritari soprattutto in una fase così delicata e complessa che il nostro Paese si trova ad affrontare».

Mara Carfagna si è poi detta «personalmente favorevole al riconoscimento di tutti quei diritti di cui le categorie discriminate non possono godere pienamente» ma «non sono favorevole al riconoscimento delle coppie omossessuali. Non si possono equiparare due cose che sono naturalmente diverse».

Appena tre mesi fa, a margine dell’incontro fra le associazioni gay e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la ministra aveva ringraziato l’onorevole Paola Concia «per l’impegno e la delicatezza che ha speso per farmi conoscere la ricchezza del mondo associativo qui presente, con tutte le sue sfumature, e per avermi aiutata a sfondare il muro della diffidenza della quale penso di essere stata allo stesso tempo vittima e inconsapevole responsabile, in un passato remoto, ormai ampiamente superato».

Ti suggeriamo anche  Il vescovo: “Niente funerali per i gay sposati se non si pentono prima di morire”