Taormina show: “I froci li pizzico subito, come i delinquenti”.

di

I gay "nascono difettati", la sentenza di Strasburgo è una "porcata" e altro ancora. AUDIO

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4741 0

Non pago della condanna che gli è già stata inflitta per avere dichiarato di non volere omosessuali nel suo studio, l’avvocato Carlo Taormina è tornato a sparare a zero contro gay e trans. Dai microfoni della Zanzara, in onda su Radio24, e adeguatamente punzecchiato dalla coppia Cruciani – Parenzo, Taormina ha dichiarato che “ognuno ha diritto di farsi inchiappettare ma non ha il diritto di rompermi i coglioni mostrandomi che si fa inchiappettare”, ha definito “porcata” la sentenza di Strasburgo ed ha inveito contro la Corte di Cassazione chiedendo “da dove cazzo l’ha presa” la sentenza emessa in favore della trans che ha chiesto di potere cambiare genere all’anagrafe senza sottoporsi all’intervento chirurgico. Secondo Taormina, la Cassazione favorirebbe il reato di falso in atto pubblico. Ma non è tutto. Sostiene, l’avvocato, di avere imparato a riconoscere i gay dall’aspetto fisico: “Si riconoscono subito. Ci sono dei movimenti, delle mosse, delle mossette: io li ho studiati, li riconosco – dice -. Il movimento delle mani, il modo di camminare. Io li pizzico subito, come i delinquenti“. E conclude sostenendo che i gay “nascono difettati”.

Ascoltate voi stessi l’audio completo (dal minuto 48.00)

Leggi   Sandro Mayer: morto il direttore di DiPiù. Le accuse di omofobia da Veronica Pivetti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...