CARY & RANDOLPH

di

Cary Grant e Randolph Scott. L'unione che scandalizzo' Hollywood

CONDIVIDI
3 Condivisioni Facebook 3 Twitter Google WhatsApp
24233 0

Un piccolo incidente stava per svelare i segreti di Cary Grant e Randolph Scott, due degli uomini più affascinanti di Hollywood, che conducevano una convivenza a dir poco ambigua.

Vivevano insieme in una villa da nababbi, naturalmente a Beverly Hills, da 10 anni, ormai, senza che la stampa o i pettegolezzi potessero incrinare la loro armonia. Ma, anzi, facendosi immortalare a colazione, in vestaglia da camera, o in piscina, seduti sul trampolino, o ancora in giardino, tra i numerosi cani di diverse razze (Cary amava gli alani, Randolph preferiva i pechinesi). A Hollywood tutti sapevano: Grant e Scott stavano insieme. E allora? Bastava che la verità non uscisse dagli studios e dai salotti della gente di spettacolo. In America erano anni bui: essere gay equivaleva a essere comunista, e la "caccia alle streghe" era appena iniziata. Le majors avevano pagato profumatamente i giornalisti -specialmente le due regine del gossip: Edda e Louella- perché non si interessassero troppo, e avevano intessuto lucrose amicizie con i direttori di testata, in modo che i 2 amanti non avessero noie di nessun genere. Erano piccioncini dalle uova d’oro, due delle loro stelle più luminose. Cary era un fantastico interprete di screwball comedy, commedie americane sofisticate e divertenti. Bello, colto, ironico e elegante, amato e ammirato dalle attrici e idolatrato dal pubblico femminile.

Randolph era un cow-boy dall’animo gentile. Di fattezze delicate e femminee, incarnava la poesia, cavalcando solitario nei paesaggi del Far West infuocato dal tramonto, e incantando spettatrici di ogni età.

I loro film incassavano fiumi di dollari. Fiumi che non potevano essere arginati dalla loro ambigua sessualità. I produttori, in fondo, si accontentavano di poco. Qualche flirt con belle donne, ogni tanto e, quando quelle "voci" si facevano più insistenti, qualche matrimonio ben assestato. Cary si sposò 5 volte. Randolph 2.

Cary si sposò con la prima moglie, l’attrice Virginia Cherrill, proprio nel periodo iniziale del legame con Randolph, nel 1934.

Insomma, tutto filava liscio. Ma una volta, nel ’40, le cose si misero male… lo scandalo parve sul punto di scoppiare, viaggiando sull’onda lunga del gossip più morboso… Ecco cosa accadde.

Un giovane attorucolo di provincia appena approdato a L.A., partecipò, una sera, a una delle orge in cui Cary e Randolph amavano sollazzare sé e tutti -ed erano veramente molti- gli amici gay dell’ambiente. Sembra che ci fosse una specie di "agente" che, per quelle particolari occasioni, recuperava attori carini e freschi e pronti a tutto pur di sfondare. L’attorino, come dicevo, prese parte a una di queste "feste" e, sottoposto alle avances più tremende, secondo i suoi racconti, fu poi "costretto" a sottostare alle voglie dei colleghi più anziani. Alcuni stralci del suo racconto: "Si era bevuto parecchio. I miei ricordi si perdono in una specie di nebbia, ma ho ancora in mente la voce di Grant che gridava "Forza ragazzi fatemi vedere una bella ammucchiata di maschietti! Guardate com’è carino lui… fatevelo tutti!". E si mettevano a cavalcioni su di me e sentivo le loro dita che mi toccavano dappertutto e mi sentivo succhiato, frugato, pizzicato, leccato… mi facevano male. Alla fine sono riuscito a scappare." Naturalmente i racconti degli altri partecipanti furono ben diversi: chiunque andava alla villa di Cary e Randolph sapeva bene cosa l’aspettava, e spesso non vedeva l’ora! Comunque, il giovane attore trovò il modo per fare il salto: in cambio della fatidica "pietra sopra", ottenne un bel contratto con la major di Grant e oggi… beh, non possiamo certo dirvi chi è. Sorry.

Cary e Randolph rimasero insieme a lungo, c’è chi dice per 10 anni (dal ’30 al ’40) e che dice per 15 (fino al ’45). Quando si lasciarono nessuno seppe mai come avvenne, né perché. Forse si era soltanto consumato l’amore.

Non giunsero più notizie del loro "coté omo". Qualcuno dice che non ebbero più nessuna relazione stabile; qualcun altro dice che, semplicemente, era finito "quel periodo" (come se l’omosessualità fosse un periodo).

Randolph uscì presto di scena e si ritirò a vita privata (sul grande schermo l’unico cow-boy che ha retto anche invecchiato è stato John Wayne).

Cary continuò a girare film di successo. Era nato nel 1904. Ebbe la prima figlia nel 1966, a 62 anni.

di Debora Alessi

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...