Catania: in piazza per orgoglio (gay) e antifascismo

di

Corteo nazionale antifascista sabato 16 settembre a Catania, contro le violenze, le intolleranze e per rivendicare il diritto di ciascuno alla propria individualità sessuale.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1133 0

CATANIA – Si chiama molto esplicitamente “Orgoglio e antifascismo” la manifestazione che si svolgerà a Catania nel pomeriggio di sabato 16 settembre. L’idea di una manifestazione antifascista è nata a seguito di quanto accaduto lo scorso 28 giugno quando, durante lo svolgimento della marcia dell’orgoglio GLBT (Gay, Lesbico, Bisessuale e Transgender), neofascisti appartenenti a varie sigle hanno inscenato una contromanifestazione non autorizzata, tentando brutalmente d’impedire il pacifico svolgimento del Gay Pride catanese, scandendo insulti, minacce e slogan omofobi. Il Centro di iniziativa Gay Lesbica Bisessuale Trans Open Mind e il comitato promotore Catania Antifascista su quanto accaduto parlano di «ultimo, ma forse politicamente il più grave, episodio di violenza perpetrato dai neofascisti nella nostra città. I pestaggi, le aggressioni, l’intolleranza, gli accoltellamenti, la propaganda dell’odio razziale e dell’omofobia rappresentano, e hanno sempre rappresentato, l’unica pratica politica dei fascisti a Catania, come in tutta Italia. L’azione del 28 giugno rappresenta tuttavia un gravissimo salto di qualità dell’azione squadrista del nostro Paese, che mette in luce un disegno criminale fascista contro gay, lesbiche e transessuali.» Il corteo di sabato sarà chiara espressione di tutti quei cittadini e cittadine che scenderanno liberamente e pacificamente per le strade della città «contro ogni fascismo e revisionismo, contro l’intolleranza razziale, di genere e di orientamento sessuale, contro tutte le guerre, contro tutte le destre xenofobe e razziste, per rivendicare il diritto di tutte e tutti alla propria libertà sessuale, per l’idea un mondo senza barriere e per la libera circolazione di tutte e tutti e per riaffermare il diritto di tutte e tutti di essere sempre orgogliosamente antifasciste/i.»
Tantissime le adesioni di associazioni, collettivi e singoli cittadini alla manifestazione, la cui lista completa può essere consultata sul sito internet dei promotori – www.openmind.too.it – e che ha il supporto dei Comitati provinciali ed i circoli Arcigay siciliani che sottolineano di condividere il «senso profondo ed autentico della manifestazione antifascista del 16 settembre, l’unico per noi possibile: ovvero all’idea di un grande raduno di movimenti ed associazioni, uniti per affermare in modo pacifico e gioioso il rifiuto della violenza omofoba e di qualunque discriminazione. Lo spirito dovrà essere quello di un momento di riflessione sui valori della Democrazia, e sulla formidabile importanza della molteplicità dei modi di essere e di amare. Sarà l’occasione per ribadire un NO deciso alla violenza, all’omofobia, al fascismo e a qualsiasi forma di estremismo e di totalitarismo di qualunque colore ed orientamento. Questa è la nostra interpretazione dell’evento: ci auguriamo dunque che, con la più grande serietà, sia evitata qualunque forma di speculazione politica che snaturi il senso della manifestazione, mantenendone alti ed importanti ragioni ed obiettivi.»
Il Coordinamento Facciamo Breccia (www.facciamobreccia.org) da il proprio sostegno alla manifestazione per testimoniare che la distanza geografica non significa isolamento e in quanto «Ad essere vilipese, in questo clima di violenza e repressione, sono le vite di tutte le soggettività antifasciste e di chi pratica l’autodeterminazione nelle proprie scelte di vita e affettive. Da tempo denunciamo che ad alimentare le violenze contro tutte queste soggettività contribuiscono anche i quotidiani attacchi delle gerarchie vaticane contro donne e uomini che non si piegano al loro modello di ordine teologico che è, in ultima istanza, il modello fascista di ordine sociale.»
Il programma prevede per le ore 17.00 concentramento in piazza Roma da cui partirà il corteo lungo le vie della città fino all’arrivo in piazza Duomo.
(Roberto Taddeucci)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...