‘Cattolici italiani partecipate al Pride’

Questo l’invito di Aurelio Mancuso, segretario nazionale di ArciGay, rivolto ad associazioni, gruppi, personalità e sacerdoti cattolici

MILANO – Aurelio Mancuso si augura che il Pride nazionale, previsto a Milano per il 4 giugno possa “permettere un dialogo, per ora mancato, tra la comunità gay, lesbica, transessuale e la Chiesa”.

“Ci piacerebbe – afferma il segretario nazionale Arcigay – che le associazioni, i gruppi, personalità e sacerdoti cattolici cogliessero la nostra disponibilità a un confronto, che possa in qualche modo permettere una conoscenza più approfondita dei valori e dei temi di cui siamo portatori”.

Mancuso lancia quindi una proposta: “Saremmo felici se suore, sacerdoti, vescovi, teologi, responsabili di gruppi, volessero confrontarsi sulla questione omosessuale, tema oggi centrale nel confronto politico e culturale, che non può essere liquidato, proponendo solo condanne e prese di distanza”.

LEGGI ANCHE

Storie

Trieste Pride 2019, il consigliere Tuiach attacca: ‘spostarlo in luogo...

La mozione urgente è stata presentata dal consigliere comunale Tuiach, passato da Forza Nuova al gruppo Misto.

di Alessandro Bovo | 25 Gennaio 2019

Storie

Friuli Venezia Giulia, il gay pride arriva a Trieste

Forza Nuova annuncia una contro-manifestazione. Nel 2017, a Udine, gli omofobi speravano "in un lanciafiamme".

di Alessandro Bovo | 24 Gennaio 2019