Cecenia: scoperte altre quattro prigioni-lager in cui gli omosessuali vengono richiusi e torturati

di

Alcuni uomini sarebbero stati rilasciati solo dopo che le famiglie hanno pagato delle tangenti alla forze dell'ordine.

CONDIVIDI
718 Condivisioni Facebook 718 Twitter Google WhatsApp
17150 2

Il quotidiano indipendente russo Novaya Gazeta continua la sua inchiesta sulle persecuzioni omofobe in Cecenia: i centri in cui i gay vengono detenuti e torturati sarebbero in totale sei.

I giornalisti di Novaya Gazeta, contro cui è stata lanciata una vera e propria condanna a morte islamica (fatwa), si sono imbattuti infatti di recente in ulteriori prove circa l’esistenza di altri quattro centri, oltre ai due noti finora di Argun e Tsotsi-Yurt.

Sempre secondo quanto riferiscono i giornalisti di Novaya Gazeta, inoltre, alcuni uomini sarebbero stati rilasciati dalle prigioni-lager solo dopo che le famiglie hanno pagato delle tangenti alla forze dell’ordine.

Probabilmente, alla luce degli ultimi dati, è lecito pensare che i 100 uomini di cui si era parlato inizialmente siano molti di più. Le informazioni e le testimonianze raccolte dagli attivisti di Russian LGBT Network, infatti, parlano di celle in cui vengono detenuti dai trenta ai quaranta uomini insieme.

Nei giorni scorsi inoltre, i giornalisti di Novaya Gazeta avevano denunciato una campagna di odio e violenza scatenata contro di loro dai fondamentalisti ceceni, identificati come “nemici della nostra fede e della nostra nazione”. La situazione è talmente pericolosa che alcuni redattori hanno deciso di lasciare Mosca per rifugiarsi in località segrete.

Leggi   Lazio Pride, aggressione omofoba ad una famiglia arcobaleno: 'viva Mussolini, a morte tutti i fro*i'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...