Celebrate Yourself, a Torino una mostra fotografica per raccontare la comunità LGBT

E’ necessario celebrare sé stessi ogni giorno, essere orgogliosi di ciò che si è.

Dal 4 maggio al 4 giugno 2018 al MAU – Museo di Arte Urbana di Torino prenderà vita Celebrate Yourself, progetto fotografico che si pone l’obiettivo di raccontare il mondo e la comunità lgbt.

Una mostra realizzata da Alice Arduino, fotografa di Torino nonché attivista e militante in ambito femminista, lgbt+ e di genere che ha fotografato e intervistato 35 persone con l’intento di scoprire gli hobby, le passioni, il lavoro, principi e valori, andando oltre le etichette gay, lesbica, bisessuale, transessuale. Sono le storie di singoli, coppie e famiglie omogenitoriali con figli avuti da una inseminazione artificiale o da precedenti relazioni. Tra loro vi sono esponenti politici, dejeey, avvocati, poliziotti, giovani, studenti, attivisti, scrittori che hanno fatto coming out, raccontando la loro esperienza, contributo e vissuto.

La finalità è di sensibilizzare maggiormente coloro che ancora vedono con diffidenza al mondo gay e aiutare altri ragazzi/e a fare “coming out” attraverso l’esempio personale degli intervistati. Per realizzare le interviste e trovare persone disponibili a partecipare, la fotografa si è appoggiata ad alcune associazioni lgbt+ torinesi: Arcigay “Ottavio Mai”, Circolo Maurice glbt e Sunderam Identità Transgender. Le persone hanno aderito e dato la loro disponibilità, “mettendoci la faccia”, raccontando la loro storia: gioie, dolori, difficoltà, coming out con i genitori e amici, aneddoti simpatici e divertenti che hanno caratterizzato le interviste e gli incontri che l’autrice ha fatto singolarmente con ogni persona.

Ti suggeriamo anche  Torino, asilo aziendale senza distinzioni di genere. Salvini attacca: "Lavaggio del cervello"

Il mio obiettivo era raccontare la comunità lgbt+ andando oltre le etichette” spiega Alice Arduino. “Volevo che uscisse fuori la storia delle persone fotografate, i loro hobby, passioni, quello che fanno nel tempo libero, cosa leggono, guardano in tv, al cinema e che musica ascoltano. Chi legge le interviste deve trovare dei punti in comune con loro, familiarizzare, sorridere, commentare perché le cose che ci accumunano e uniscono sono molteplici. Il fatto che poi siano gay, lesbiche, bisessuali e transessuali è una cosa in più, una “etichetta” che gli altri ti attaccano e che non deve influire sul giudizio delle persone”.

Fondamentale, per Alice, lo step del coming out, che qualsiasi omosessuale dovrà prima o poi affrontare nel corso della propria vita: “Viviamo in un mondo dove l’eterosessualità è considerata la normalità e chi non appartiene a questa “categoria” spesso subisce un giudizio negativo. Se la relazione con gli amici è più facile, più complicata può diventare quella con i parenti o sul posto di lavoro. Qui possono nascere le discriminazioni più forti, l’indifferenza e l’allontanamento, portando molta sofferenza in chi la subisce”. “Non è una cosa così scontata e questa mostra lo dimostra. Molti mi hanno detto che non volevano essere fotografate perché i genitori non lo sapevano o perché avrebbero avuto problemi sul lavoro. Altri non erano sicuri perché ancora incerti. Non ho trovato nessuna famiglia arcobaleno disposta a farsi fare una foto, probabilmente per tutelare i figli/e. Questo dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare non solo da parte delle associazioni lgbt+ e dei singoli ma anche delle istituzioni che hanno il dovere di promuovere progetti di sensibilizzazione e diffondere iniziative di rispetto e uguaglianza”.