CGIL Puglia sostiene i diritti glbt

Il 14° congresso regionale Puglia della CGIL ha approvato all’unanimità un ordine del giorno in difesa dei diritti dei lavoratori glbt.

Al congresso della CGIL regionale Puglia sono stati approvati all’unanimita’ gli emendamenti alle tesi congressuali presentati dal gruppo di lavoro sui nuovi diritti, che inculdono alcuni provvedimenti i difesa dei lavoratori gay/lesbiche/transgender.

Michele Bellomo, responsabile dell’Ufficio Nuovi Diritti della CGIL Puglia, e’ stato eletto nel Direttivo Regionale. L’Ufficio Nuovi Diritti Puglia aprira’ ufficialmente il giorno 2 marzo.

«In un momento in cui sono messe in discussione le garanzie sul lavoro – si legge nell’Ordine del Giuorno approvato dal Congresso – e si rafforzano le istanze di flessibilità del mercato del lavoro, i delegati e le delegate del 14° Congresso regionale Puglia della CGIL chiedono all’Organizzazione di impegnarsi sul piano sociale e politico, per essere soggetto attivo nell’ applicazione delle norme antidiscriminatorie secondo le modalità previste dalle disposizioni della direttiva europea per tutti i soggetti interessati e in particolare per lavoratori e lavoratrici omosessuali e transessuali, destinatari di atti di discriminazione diretta e indiretta dovuti a pregiudizio e ignoranza».

«I delegati e le delegate del 14° Congresso Regionale Puglia chiedono inoltre all’Organizzazione un impegno per l’inserimento di esplicite norme antidiscriminatorie nei contratti di lavoro e auspicano la ripresa della discussione parlamentare sulla legge contro le discriminazioni dirette e indirette delle persone omosessuali e transessuali, iniziata nella legislatura precedente e la sua sollecita approvazione, nonché una norma che preveda il riconoscimento giuridico della coppia di fatto».

Ti suggeriamo anche  Montenegro, il Consiglio d'Europa ammonisce: "Comunità LGBT bersaglio di odio"