Chiamami col tuo nome, Armie Hammer difende il film: “Non c’è un rapporto predatorio”

I protagonisti del film di Luca Guadagnino affrontano le critiche per il rapporto tra il giovane Elio 17 anni e Oliver, 24 anni.

Continua la querelle su Chiamami col tuo nome, il film di Luca Guadagnino, con Armie Hammer e Thimotée Chalamet.

Impegnato nella promozione del film, che uscirà in Italia solo nel febbraio 2018, l’attore americano Armie Hammer, dall’Hollywood Reporter torna a stroncare le polemiche sul rapporto tra il suo personaggio e il giovane Elio, interpretato dall’attore francese.

I due protagonisti dell’atteso film, tratto dall’omonimo romanzo di Aciman, hanno rispettivamente 24 e 17 anni e tra i due si instaura un rapporto di attrazione, utile alla formazione di entrambi: “Non abbiamo fatto un film predatorio o salace – ha dichiarato Hammer – E poi, d’accordo o meno, tecnicamente in Italia l’età del consenso è 14 anni. Non ritrae una cosa illegale”.

Armie Hammer

Anche se poi Hammer ammette che se avesse un figlio di 17 anni non sarebbe a suo agio nel sapere che frequenta un uomo di 24 anni, l’attore precisa: “Questa non è la solita situazione: qui è il ragazzo più giovane che seduce quello più grande. La dinamica non è predatore più maturo contro giovane ragazzino”.

Un rapporto delicato quello nel copione a cui i due attori sono stati introdotti dal regista con un vero battesimo del fuoco: “Io e Thimotée eravamo alla nostra prima prova ufficiale sul set quando Luca dice “Partiamo dalla scena 62: Elio e Oliver ci danno dentro furiosamente” E così abbiamo cominciato le riprese”.

L’atteso film ha collezionato nelle scorse ore 6 nomination agli Independent Spirit Awards. Curiosi di vederlo?

Ti suggeriamo anche  Chiamami col tuo nome, dopo l'Oscar Luca Guadagnino conferma: 'Sto scrivendo il sequel con André Aciman'

2 commenti su “Chiamami col tuo nome, Armie Hammer difende il film: “Non c’è un rapporto predatorio”

  1. Finalmente l’ho visto, ieri sera a Milano.
    Ho trovato molto bravi gli attori, soprattutto quello che interpreta Elio, l’irruenza tipica dei 17 anni e la sua ossessione, erano resi davvero bene. Ho amato la colonna sonora e anche l’ambientazione anni 80 (senza whatsapp, per capirsi).
    Non ho trovato troppo azzeccati i dialoghi e le situazioni (alcune sono proprio buttate là) ma è comunque (a mio parere) reso bene il sentimento che lega i due protagonisti.
    Splendidi i genitori di Elio, il discorso finale del padre è stato davvero toccante. Dopo di chè ho scoperto che il libro è esaurito in quasi tutte le librerie di Milano… buona visione a tutti, mi farebbe piacere leggere altri pareri.

Lascia un commento