Chiesti 10 anni di carcere per Svastichella

Aveva accoltellato Dino fuori dal Gay Village per un bacio che stava scambiando col compagno. Adesso il PM ha chiesto che Alessandro Sardelli, detto “svastichella”, sconti 10 anni di carcere.

Come anticipato ieri, è iniziato questa mattina al Tribunale penale di piazzale Clodio il processo nei confronti di Alessandro Sardelli, detto Svastichella.

Oggi, primo giorno di udienza, è arrivata la richiesta avanzata dal PM Pietro Pollidori nei suoi confronti: dieci anni di reclusione per tentato omicidio, lesioni personali e porto d’arma bianca

Il giudice Rosalba Liso non solo  ha aggiornato  l’udienza al 25 novembre ma prima ha ammesso la costituzione di parte civile del Comune e, prima volta in assoluto, di Arcigay Roma. «E’ la prima volta che questo avviene in Italia: un passo storico per le associazioni e la comunità lesbica, gay e trans – ha detto il presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo – . Sardelli ha chiesto scusa e ha detto di essere amico dei gay. Queste dichiarazioni per noi sono inutili, perché una persona che ha aggredito due uomini per un bacio, accoltellando uno dei due, si è smentito coi fatti. Siamo molto soddisfatti perché è stata accettata anche la costituzione di parte civile del Comune di Roma. Un primo caso, ancora, di un ente pubblico riconosciuto in un processo di questo tipo».

«Si tratta – ha aggiunto il responsabile legale di Arcigay Roma, Daniele Stoppello, che rappresenta anche le due vittime – di un importante riconoscimento per la nostra organizzazione e per il lavoro che svolge quotidianamente nella difesa e tutela di migliaia di persone. Sardelli ha colpito l’omosessualità dei due uomini aggrediti e la decisione del Tribunale non può lasciare indifferente il Paese e il nostro Parlamento. In questo caso, la magistratura ha supplito al vuoto legislativo però serve al più presto la legge contro l’omofobia. E’ una questione urgente».

Ti suggeriamo anche  Eurogames 2019, addio a Radio Globo come sponsor dopo l'appello di Vladimir Luxuria

La notte del 22 agosto, fuori dal Gay Village, Sardelli aveva attaccato Dino e il suo ragazzo perchè colpevoli di essersi baciati in pubblico. ‘Svastichella’, interrogato il 27 agosto a Regina Coeli, ammise di aver colpito i due omosessuali, ma come reazione a una provocazione della coppia. Contro di lui, però, ci sarebbero le testimonianze di cinque persone acquisite dal pm.

 

di Federico Boni