La Cina oscurerà tutti i contenuti gay sul web

Così ha deciso l’associazione che si occupa della censura del governo cinese sulla rete: “Banditi i comportamenti sessuali anormali”.

La Cina fa un passo indietro nell’inclusione delle persone LGBT. Le nuove regole della China Netcasting Services Association mettono al bando i contenuti gay dalla rete cinese.

La scure della censura sui gay colpirà tutti i tipi di contenuti video online, dai film, ai documentari, dai cartoni ai video educativi. Secondo il nuovo regolamento della rete l’omosessualità rientra tra i “comportamenti sessuali anormali”.

Nonostante la Cina abbia depenalizzato l’omosessualità nel 1997 e l’abbia tolta dalle malattie mentali nel 2001, il Paese non riconosce nessun diritto alle persone LGBT, né le tutela da forme di discriminazione.

Gay Voice, magazine LGBT cinese, riporta che “Le false informazioni che sono state inserite in questo nuovo regolamento hanno già causato abbastanza sofferenze alla comunità LGBT cinese, che è oggetto di pregiudizi e discriminazione”.

LEGGI ANCHE

Cultura

I killer nella storia della comunità LGBT

In tutto, hanno brutalmente ucciso 34 persone omosessuali.

di Alessandro Bovo | 17 Febbraio 2019

Storie

Congresso Mondiale delle Famiglie: a marzo i personaggi più omofobi...

Un evento per tutte le famiglie? Certo che no! Solo quelle "normali".

di Alessandro Bovo | 16 Febbraio 2019

Storie

Treviso, arriva la mozione anti-gay e anti-aborto

Solo poche settimane fa, Treviso era uscita dalla rete READY.

di Alessandro Bovo | 15 Febbraio 2019