La Cina oscurerà tutti i contenuti gay sul web

Così ha deciso l’associazione che si occupa della censura del governo cinese sulla rete: “Banditi i comportamenti sessuali anormali”.

La Cina fa un passo indietro nell’inclusione delle persone LGBT. Le nuove regole della China Netcasting Services Association mettono al bando i contenuti gay dalla rete cinese.

La scure della censura sui gay colpirà tutti i tipi di contenuti video online, dai film, ai documentari, dai cartoni ai video educativi. Secondo il nuovo regolamento della rete l’omosessualità rientra tra i “comportamenti sessuali anormali”.