Cina: censurato sito internet su diritti gay

Un popolare sito Internet sui problemi degli omosessuali è stato oscurato dalle autorità cinesi. Lo ha denunciato alla stampa di Hong Kong Damien Lu, il manager del sito www.gaychinese.net.

PECHINO – Un popolare sito Internet sui problemi degli omosessuali è stato oscurato dalle autorità cinesi. Lo ha denunciato alla stampa di Hong Kong Damien Lu, il manager del sito www.gaychinese.net.

Lu, un ex-medico di 55 anni che oggi insegna teatro in California, afferma che ogni giorno dalle 50 alle 65mila persone visitavano il sito. “Siamo sempre stati attenti a non violare nessuna legge o regolamento” ha detto. Lu afferma che il sito, che è gestito da una ventina di persone in diverse città della Cina con la collaborazione di volontari americani, non ha mai pubblicato materiale pornografico.

“Non hanno cercato di censurare una cosa o un’ altra, il bersaglio era proprio il sito in quanto tale” ha detto Bing Lan, uno dei manager del sito che vive nella provincia del Fujan, nella Cina orientale. “Abbiamo sempre seguito rigidamente il principio di non pubblicare materiale sessualmente esplicito o articoli politici”, ha aggiunto Bing.

I gestori del sito ritengono che a causare la censura siano stati gli articoli pubblicati in cui si affermava la necessità che la Cina si dotasse di una legge sui diritti degli omosessuali.

LEGGI ANCHE

Storie

Sardegna al voto, lettera aperta ai candidati sui diritti civili...

Le associazioni sarde chiedono un impegno concreto sui diritti civili ai candidati alla presidenza della Regione Sardegna.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Netflix, il meraviglioso corto gay per celebrare la depenalizzazione dell’omosessualità...

Una storia d'amore gay in poco più di due minuti per San Valentino. L'omaggio di Netflix India alla comunità LGBT.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Intersex, l’Italia intervenga per tutelare i bambini: l’appello di Certi...

Tra i 21 Paesi UE senza una normativa adeguata sui diritti delle persone intersessuali, ovviamente, c'è l'Italia.

di Federico Boni | 16 Febbraio 2019