Cina: le associazioni chiedono il matrimonio omosessuale

In un solo mese, gli attivisti di Tongyu hanno raccolto mgliaia di firme che saranno presentate al congresso nazionale del Partito Comunista Cinese, a Pechino.

Tempi duri per il governo cinese. Proprio mentre il mondo ha gli occhi puntati addosso a Pechino in attesa che faccia qualcosa per i diritti civili in Tibet, minacciando di boicottare i giochi olimpici, a complicare la vita al Partito ci si mettono anche le associazioni GLBT. La notizia ha vatto velocemente il giro della rete e a diffonderla è stata, tra glialtri, il sito francese Tetu.com con un articolo di Fabien Lavie. 

Stando all’articolo, l’Associazione LGBT cinese Tongyu ha lanciato una petizione per il riconoscimento del matrimonio omosessuale. Gli attivisti, nel corso di un mese di campagna, hanno raccolto circa diecimila firme nelle più grandi città cinesi, che verranno presentate alla riunione annuale del Partito Comunista Cinese che si terrà a Pechino, come ogni anno.

Ti suggeriamo anche  Vicenza, il prete che benedì gli anelli di un'unione civile: "Rifarei tutto"
Musica

Michele Bravi, “mi ha salvato un ragazzo, ero innamorato ma ora se n’è andato e non tornerà più”

Dalle pagine di Vanity Fair, Michele Bravi ha confessato quanto sia stato importante per lui un ragazzo, nell'ultimo anno e mezzo, di cui si era innamorato.

di Federico Boni