Cina: proposta di matrimonio tra due studentesse, l’università nega il diploma

Le due ragazze hanno voluto seguire la tradizione di giurarsi amore eterno il giorno della laurea. L’università ha cercato di umiliarle e di ostacolarle in tutti i modi.

A fine giugno scorso, in Cina, una coppia di due studentesse Xiaoyu Wang e Jean Ouyang, dell’Università di Guangdong è stata pesantemente discriminata sulla base dell’orientamento sessuale. Tutto è iniziato quando una delle due ragazze ha deciso di fare all’altra la sua proposta di matrimonio il giorno stesso della laurea, una tradizione diffusa tra gli studenti cinesi. In un atto coraggioso di orgoglio e libertà, Jean si è inginocchiata e ha chiesto Xiaoyu in moglie, circondata dai compagni di classe. Un bel momento, importante anche per sensibilizzare l’opinione pubblica.
Dopo che le foto di quel giorno sono diventate virali su internet, alcuni rappresentanti del partito comunista cinese in seno all’università hanno minacciato di revocare il diploma a Xiaoyu Wang, affermando che le ragazze dovrebbero “vivere la loro omosessualità in privato senza infastidire gli altri“. La condotta delle ragazze è stata definita inopportuna, oscena, portatrice di cattiva influenza per gli altri. All’altra ragazza, Jean Ouyang, studentessa di giurisprudenza, è stato concesso di ritirare il diploma ma le è stato suggerito di non partecipare alla cerimonia di laurea.
university-lesbian-student’s-public-proposal-obscene-001
E non è finita qui. L’università ha rivelato l’omosessualità delle ragazze ai loro genitori e ha chiesto alla polizia di perquisire i loro appartamenti per raccogliere degli appunti personali come “prove”.

L’organizzazione no profit All Out, insieme alle ragazze, ha lanciato una campagna globale, una  per chiedere all’università di scusarsi e prendere delle misure per prevenire la discriminazione basata sull’orientamento sessuale nel campus. Al momento sono state raccolte oltre 65 mila firma in pochi giorni. Se volete firmare anche voi ecco il link: https://go.allout.org/it/a/china-proposal/.

7 commenti su “Cina: proposta di matrimonio tra due studentesse, l’università nega il diploma

  1. Vivere la propria omosessualità’ in privato senza infastidire gli altri” sapessero a me e mia madre (che e’ etero ) quanto le coppie etero volgari ci infastidiscono e non possiamo dire nulla…

    1. Alto Salerno: Dire nulla è una vostra scelta. Mangiarvi la mer*a è una totale e vostra decisione, oltre che essere completamente inutile socialmente. Dopo millenni che gli omosessuali si beccano miliardi di copertine cd, di film , di canzoni e migliaia di altri generi DOMINATI DALL’ETOSESSUALITA’, ancora abbassate la testa? – – – Non solo siete tonti, ma controproducenti per la società. – – – – SVEGLIATEVI e cominciate ad educare la gente che vi circonda, invece di subirne le conseguenze e lamentarvi nei siti. In questo modo fate male a voi e agli altri.

      1. Innanzitutto utilizzi termini più adeguati e non si permetta di offendere perché non mi conosce.. Poi ci provi lei a dire ad una coppia etero di non esagerare con certe effusioni in pubblico soprattutto davanti ai bambini..Si rschia il linciaggio .. Questa e’ la classica ipocrisia all’ italiana in cui alcuni cittadini ipocriti e cafoni possono fare tutto (casomai molti di questi fidanzati etero poi me li ritrovo su grindr) ed altri onesti e sinceri come gli omosessuali rischiarati non possono nulla.. Ma tutto ciò non dipende dall abbassare la testa di me e mia madre ma dal retaggio culturale cattolico e fascista che vi e’ nella nostra cara Italia di cui anche lei caro Dan fa’ parte.. Io e la mia genitrice abbiamo insegnato alle nostre nipoti una cultura non censurata sull omosessualità sui diritti delle donne e sulla indottrinamento della religione cattolica ma non possiamo educare il resto degli italiani.. Le informò che questo spetta al Governo ma in Italia non si può fare nulla, basta vedere le polemiche assurde che stanno facendo dal 2012 ad oggi sulla legge per l omofobia e transfobia. Sulle Unioni civili … Sentinelle in piedi liberta di espressione Family day Vaticano teoria gender , terapie riparative non le dicono nulla ??? E’ consapevole di quello che succede nelle parrocchie italiane ?? Cosa può fare un umile cittadino come me di fronte a tanta Ipocrisia e dittatura della Chiesa cattolica ?? Dopo millenni di una societa eteronormata le cose non sono cambiate per nulla.. Basti pensare solo ai ragazzi della mi della mia citta’ che ancora nel 2016 si fidanzano con donna per copertura sociale.. Da quando e’ nato il Cristianesimo sn nati i problemi con l omosessualità e le cose non cambieranno mai. Quindi prima di permettersi di parlare di me si pulisca la bocca con la candeggina…

Lascia un commento