Claire, ragazza MtF: “Per fare la transizione chiedo aiuto alla rete”

di

Claire chiede aiuto alla rete per procedere al cambio di genere.

ragazza mtf
CONDIVIDI
278 Condivisioni Facebook 278 Twitter Google WhatsApp
1468 4

Claire Riano è una ragazza MtF, nata in un corpo nel quale non si riconosce. Nata e cresciuta in Italia, Claire sta ancora oggi vivendo dei grandi disagi per via del suo aspetto e della sua condizione.

Nella città di cui è originaria ha subìto umiliazioni e offese, tanto che per due anni non ha frequentato nemmeno la scuola. Ogni giorno cercava di nascondere la sua femminilità, cercava di essere il più mascolino possibile.

Dopo la depressione, causata dal fatto di sentirsi diversa rispetto agli altri ragazzi e dall’isolamento che stava vivendo, nel 2016 si è diplomata e ha deciso di trasferirsi a Torino. Qui, ha iniziato a studiare medicina all’Università e ha conosciuto delle persone che l’hanno finalmente aiutata. In una nuova città e con il supporto dei suoi nuovi amici, Claire ha potuto mostrarsi per quello che era realmente. Basta mascherare il suo modo di essere, basta cercare di assomigliare a un maschio. “Un viaggio pieno di odio e discriminazione” racconta, ma quando ha risentito riaccendersi dentro di sé la speranza di poter essere considerata una donna, tutto il resto non contava più.

Il costo della transizione per una ragazza MtF

Claire, in quanto ragazza MtF, ora intende procedere al processo di transizione per il cambio di genere e diventare una donna a tutti gli effetti. Un percorso complicato, che comporterà delle operazioni chirurgiche e una terapia per la crescita del seno. 

Prima di tutto, però, Claire a 21 anni desidera veder sparire la sua barba. È un grosso problema, perché ogni mattina deve eliminarla completamente, ma la pelle sensibile non sopporta una rasatura profonda ogni giorno. E lei non sopporta di uscire in quelle condizioni, perché lo vive come una vera e propria sofferenza. Ricorrere all’eliminazione tramite laser terapia è impossibile: una sessione costa 100 euro e occorrerebbero una dozzina di sedute. Un costo troppo alto. 

Ma quello che le interessa più di tutto è l’intervento di riassegnazione di genere. Per vedere riconosciuto il suo nome, Claire, anche dalla legge, e vederlo finalmente scritto anche sul suo nuovo documento d’identità. Ma i costi sono molto alti, e al momento lei non ha la disponibilità necessaria, perché con l’università non riesce a ritagliare il tempo nemmeno per un lavoro part-time. Per questo motivo, ha chiesto l’aiuto alla rete, con una raccolta fondiAlcuni di voi mi conoscono, altri no. Non è necessario donare, ovviamente ci sono cause più importanti, ma significherebbe molto per me. Solleverebbe un grande fardello dalle mie spalle e farei finalmente il primo passo per vivere come la vera me” ha scritto alla fine del suo messaggio.

Nella foto di copertina, Claire nel 2013 (a sinistra) e nel 2018 (a destra).

Leggi   Ragazza trans di 12 anni offesa e minacciata dai genitori dei compagni di scuola
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...