Claudio Ranieri apre le porte dello stadio alle coppie gay

Pressato da Le Iene, il tecnico romanista ha annunciato che per il S. Valentino del 2011 anche le coppie gay potranno usufruire di uno sconto allo stadio, come accaduto quest’anno per le coppie etero

Roma – Un testaccino doc che ha girato il mondo, allenando in Spagna ed in Inghilterra, tanto da essersi costruito una cultura e un’apertura mentale che lo rendono, giustamente, il Sir del calcio italiano.

Claudio Ranieri, ex tecnico di Napoli, Fiorentina, Parma, Chelsea, Atletico Madrid ed ora "manager" della A.S. Roma, ha ufficialmente aperto le porte dello stadio giallorosso alle coppie gay. Perchè, fino ad oggi quelle porte erano chiuse? Certo che no, ma un’iniziativa della società per l’ultimo San Valentino aveva fatto storcere più di qualche bocca.

Per la domenica degli innamorati, infatti, la società guidata da Rosella Sensi aveva ideato il biglietto di coppia: i tifosi fidanzati, in sostanza, potevano entrare allo stadio con uno sconto sui ticket del 36%. Senza nessun certificato che attestasse lo ‘stato di coppia’, chiunque poteva teoricamente usufruire dello sconto, comprese le coppie gay. Ma così non è stato.

A svelare l’arcano mistero Le Iene, che manderanno in onda il servizio questa sera, mercoledì 24 febbraio, pronte a dimostrare come le coppie gay effettivamente non potessero usufruire degli sconti, a causa del coupon, che chiaramente indicava una parte per "lui" ed una parte per "lei".

Claudio Ranieri, tecnico della squadra giallorossa, attualmente seconda in campionato dietro l’Inter, pressato dalla Iena Filippo Roma si è detto molto dispiaciuto per l’evidente difetto di formulazione dei biglietti, promettendo che per il San Valentino del 2011 si correrà ai ripari, dando così la concreta e reale oppurtunità anche alle coppie gay di poter usufruire del biglietto di coppia, senza più fare distinzione di sesso.

Ti suggeriamo anche  Addio ad Andrea Berardicurti, La Karl du Pigné, colonna portante della comunità LGBT romana

 

di Federico Boni