Colby Keller, la porno star comunista in tour negli Stati Uniti

di

Intervista ad una grande celebrità del porno gay statunitense, decisamente particolare

CONDIVIDI
13 Condivisioni Facebook 13 Twitter Google WhatsApp
65036 0

Di lui dicono che potrebbe essere un Leonardo Da Vinci post-moderno. Se non fosse che per la sua formazione, il suo lavoro, la sua ideologia ed infine il suo orientamento sessuale Colby appare decisamente indigeribile per molti mass-media, sarebbe sempre in prima pagina. Nato nel Michigan nel 1980, è un antropologo, una porno star, un artista, un comunista ed un omosessuale: niente male, insomma. Il magazine online playgroundmag.net lo ha intervistato e volentieri ve lo proponiamo, accompagnato da una gallery come attore professionista e modello.

Un anno fa Colby Keller si è sbarazzato della sua casa e di tutti i suoi averi, con l’eccezione di un piatto che raffigurava Lenin comprato su eBay, ed ha lanciato una campagna di finanziamento online per acquistare un furgone, un materasso, una macchina fotografica, benzina, cibo e la connessione Wi-fi portatile. Per far cosa? Per girare tutti i 50 stati degli Stati Uniti e parte del Canada e registrare almeno una scena di sesso in ognuno di loro, con uomini che desiderano farlo con lui. Con questo l’artista voleva dimostrare che si può fare sesso professionale al di fuori del settore del porno, sostenuto dagli appassionati del genere e non più dai produttori. Non è il tipico progetto dove le famiglie investono i loro risparmi, ma c’era evidentemente un sacco di persone che volevano vedere Colby in ‘azione’ ed il nostro amico ha raccolto 45.000 dollari in meno di un mese. Quanto bastava per partire col progetto “Colby does America “.

Come sta andando la tua avventura, Colby? Dove sei ora?

Attualmente (luglio 2015, ndr) mi trovo in Quebec, nel Canada. Ho appena finito di girare una scena a Montreal. Le cose stanno andando bene. Sono ormai stato in quasi tutti i 50 stati degli USA e in diverse province canadesi.

Come si fa a contattare le persone con cui avrai rapporti sessuali nel tour?

Alcuni mi contattano tramite i social network, il web o il mio blog, ma la maggior parte sono attraverso le applicazioni sugli smartphone tipo Grindr e Scruff.

Immagino tu ti stia divertendo e incontrare molte persone diverse …

L’essere umano è un animale strano. La cosa più frustrante ma anche comica, allo stesso tempo, che sto trovando è la quantità di catfishes (pesci gatto, persone che creano un profilo falso sul web e le applicazioni social, ndr) che sto trovando. Credo che il fenomeno dei profili falsi ci dica chiaramente quanto profondo è ancora il tabù del sesso, almeno negli Stati Uniti ed in Canada: molte persone perdono tempo ed energia per far finta di essere in grado di girare il video con me, ma all’ultimo momento si tirano indietro.

Sei nato nel Michigan, ma sei cresciuto nel Texas: eri uno studente di arte e sei omosessuale. Che cosa ci dici della discriminazione, tu che l’hai vissuta in prima persona?

La mia famiglia mi ha sempre sostenuto. Ha sostenuto me stesso, il mio amore per l’arte ed il mio interesse per l’antropologia. Sono stato sempre incoraggiato ad essere curioso del mondo ed a lavorare sodo. Se ci rifletto oggi, penso di aver affrontato molta più discriminazione ed essere ridicolizzato perché volevo essere un artista piuttosto perché ero (e sono) omosessuale.

Davvero?

Sì, sì. Essere un gay bianco in questo momento della storia americana è molto più nella norma e mainstream che essere un artista. I genitori molti anni fa si preoccupavano se il loro figlio era gay, ma credo che oggi questo succeda molto meno. Mentre invece, se vostro figlio vuole seguire una carriera artistica, allora si preoccupano. Ancora oggi è così.

Alla fine ti sei laureato in Belle Arti ed in Antropologia. Non è molto comune tra le pornostar, giusto?

Da sempre mi interessava esplorare altre culture e come ogni civiltà è stata organizzata nel corso della storia in tutto, dalla musica alla danza, dall’abbigliamento alla religione. Da bambino, ero ossessionato sulle tribù native americani e ciò mi ha portato ad un interesse più generale in tutti i tipi di persone.

Perché pensiamo che chi lavora nel settore del porno come attore sia uno stupido?

Credo che gli esseri umani siano politicamente condizionati a diffidare di tutti coloro che prendono decisioni differenti che avrebbero personalmente preso. Il lavoro basato sul sesso è sempre stato demonizzato dal momento in cui è diventato possibile esercitarlo. E uno dei modi per demonizzare il sesso è quello di pensare che se una persona è bravo a farlo, è perché ha una qualche altra grave lacuna. Come l’essere stupido.

La filosofia e l’arte hanno sempre parlato del desiderio umano, ma il sesso rimane un tabù intellettuale.

Il sistema non gradisce persone coscienti, riflessive e sessualmente soddisfatte. Il sistema pretende che siano tristi, vuote, gelose e desiderose di tradire, per un po’ di comfort supplementare.

Prima di intraprendere questa avventura, hai deciso di lasciare tutto ciò che possedevi. Compreso la tua preziosa collezione di libri.

Ho donato tutti i miei libri e molti di loro sono andati al Museo di Arte Contemporanea di Baltimora. Amo leggere racconti brevi e riviste come Granta, Hello Mister o Harper’s. Ultimamente ho letto “Perché Marx aveva ragione” di Terry Eagleton. Altamente consigliato per chi vuole ribattere a tutti gli argomenti contro il marxismo.

Perché ti definisci come un comunista.

Sì, il capitalismo è stato importante per l’umanità, ma è anche arrivata la sua fine. Se vogliamo sopravvivere, siamo moralmente obbligati a trovare un sistema di organizzazione della società migliore di questo che viola l’intero pianeta per fornire immenso conforto materiale a pochi, mentre la maggior parte soffre. Il capitalismo ha le priorità sbagliate. Essere un comunista nel 2015 significa fondamentalmente sapere che abbiamo bisogno di un cambiamento per sopravvivere.

Manca più di un anno per le presidenziali statunitensi e la gara è già in corso. È come se repubblicani e democratici si alternassero per garantirsi di essere per sempre.

Non c’è niente che si possa dire dei repubblicani che abbia un senso, quindi non lo farò. Per quanto riguarda i democratici, il loro sogno è morto da un bel po’ di tempo. L’unico modo per resuscitare quel sogno, fino ad ottenere una vera e propria rivoluzione, è quello di rimuovere i soldi dalla politica. Questo è qualcosa che non penso che avvenga senza il sistema dal collasso totale. Ora sembra che le persone siano entusiasti della candidatura di Bernie Sanders, il candidato più vicino alla socialdemocrazia europea. Anche se fa parte dello stesso sistema, mi sembra comunque migliore degli altri.

Ma l’industria del porno è sempre stato accusata di favorire valori individualistici, di non schierarsi politicamente, di essere maschilista….

Per me è l’industria più trasparente che esiste. Non si relaziona più o meno col sistema delle altre industrie. Il capitalismo cerca di sfruttare i corpi di persone. Il settore del porno non è dissimile in questo dalla medicina, dal business delle carceri, dalla privatizzazione del settore pubblico o di qualsiasi altra industria che tenda a mercificare il corpo umano.

Perché il porno è diventato così mainstream negli ultimi 10 anni?

Internet. Cambiamenti generazionali. Tutto ciò, ed inoltre le persone sentono sempre più il bisogno di essere onesti con gli altri circa la loro sessualità.

Il consumo di porno è oggi tutto su internet. Quali sono gli strumenti che il porno ha per essere rivoluzionario?

Beh, fino a quando il capitalismo non riuscirà a privatizzare completamente Internet, ed attenzione perchè potrebbe accadere presto, la rete stessa è già un mezzo rivoluzionario per diffondere contenuti.

Ok, però cerchiamo di essere concreti. Come sarebbe l’industria del porno in un mondo più giusto?

Penso al porno come ad un teatro, come ad una comunità in cui si raccontano storie. In un mondo giusto, il contenuto sarebbe libero come un bene pubblico da condividere e da valutare collettivamente. Per questo voglio tutti i video che giro nel mio blog “Colby does America” sono liberi e gratuiti. Volevo vedere che cosa succede se si mandano in c*** le logiche del capitalismo e ci si disfa di tutti i propri beni materiali, del proprio lavoro ed anche del proprio corpo. E’ qui che sono ora.

Colby Keller:

clicca qui per la galleria delle sue foto come attore professionista e modello

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...