Comencini: «Solo i gay hanno equilibrio»

La regista parla del suo prossimo film in lavorazione in questi giorni, da cui emerge un ritratto non lusinghiero delle relazioni matrimoniali, e una bella immagine delle coppie gay.

In un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, Cristina Comencini parla del suo nuovo film, le cui riprese sono in corso in questi giorni a Roma. Prodotto dalla Cattleya e RaiCinema, "Il più bel giorno della mia vita" narra le vicende di una madre, interpretata da Virna Lisi, e i suoi tre figli, Margherita Buy, Luigi Lo Cascio, Sandra Ceccarelli; nel cast anche Marco Baliani, Jean Hughes Anglade e Ricky Tognazzi.

Al centro della nuova fatica della regista un’analisi della soddisfaazione sessuale, prevalentemente quella femminile: «Perché per le generazioni delle nostre madri e delle nonne il sesso coniugale era connesso alla maternità, il piacere fisico non era contemplato. Solo la nostra generazione ha cominciato a inseguire l’amore totale, fisico e sentimentale insieme» ha dichiarato a Repubblica la regista.

Daltronde, l’unico figlio maschio di Irene, la madre interpretata dalla Lisi, non nasconde la propria omosessualità, anche se è un fatto che «la madre ha sempre ignorato o finto di ignorare, perché è qualcosa che sconvolge le sue certezze».

La visione globale delle relazioni e dei matrimoni che emerge da quello che la Comencini svela del film, non è lusinghiero. Le mogli sono spesso incastrate da mariti scelti male, assenti, e solo in alcuni casi e a fatica riescono a liberarsene, senza tuttavia ritrovare altrove la loro serenità. «Nel film – conclude la regista – forse solo la coppia degli omosessuali trova un equilibrio, forse perché paradossalmente non hanno vincoli, la clandestinità a cui li costringono le regole sociali li rafforza». "Le Fate Ignoranti" colpiscono ancora?

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni