Venti calciatori europei pronti per il coming out?

A lanciare la voce l’unico calciatore professionista inglese ad aver fatto coming out.

Ci sarebbe un gruppo di circa venti calciatori professionisti europei pronto a fare coming out: a lanciare la notizia bomba, che nel giro di poco ha fatto il giro del mondo, è Liam Davis.

Davis è a oggi l’unico calciatore professionista inglese (anche se gioca in una serie minore) ad aver fatto coming out. In un’intervista al Telegraph risponde così al giornalista che chiede lumi sull’atavica difficoltà per i calciatori di dirsi gay pubblicamente: “Vero, a tre anni dal mio coming out nessuno ha seguito le mie orme. Forse sarebbe meglio se in qualche modo uno potesse condividere l’esperienza. Siamo onesti, sarebbe bene se un gruppo di loro venisse allo scoperto insieme”. Davis ammette di aver ricevuto sporadici insulti legati al suo orientamento sessuale in campo da parte degli avversari, ma è anche grato del supporto sempre dimostrato dai suoi compagni di squadra, dagli allenatori e dalle dirigenze per cui ha lavorato: “E nel complesso posso dire che si tratta davvero di episodi isolati. Il mondo del calcio si sta dimostrando molto meglio di quanto si possa pensare. Fatelo, siate voi stessi”.

Poi, a sorpresa, lo scoop del calciatore testimonial in questo mese della campagna Uefa #EqualGame: “Ma ho sentito qualcosa… C’è un gruppo di circa venti calciatori professionisti europei che ha intenzione di fare coming out. L’unico problema è che sembrerà tutto molto pianificato e poco naturale”.

Ti suggeriamo anche  Altrincham, la squadra di Manchester scesa in campo con i colori arcobaleno per dire basta all'omofobia

Si tratta, come confermato dallo stesso Davis, di una voce: quel che è certo, però, è che un coming out collettivo scuoterebbe il mondo del calcio e darebbe nuova linfa alla lotta contro un male da estirpare ovunque nel mondo: l’omofobia.