Comune trascrive matrimonio gay. “Sembrava nome da donna”

di

L'anagrafe per errore aveva trascritto il matrimonio contratto in America. Ma il Sindaco non ci sta e promette battaglia. E spunta l'ipotesi di richiesta danni d'immagine alla coppia.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1397 0

Sposati in America, riconosciuti in Francia – grazie ai PaCS – e persino in Italia dal loro Comune. La storia di questa coppia gay è però troppo bella per durare a lungo. Il Sindaco di Quinto di Treviso, dove l’ufficio anagrafe ha concesso per errore ai due uomini il riconoscimento, ha promesso battaglia. Dopo un chiarimento chiesto dal Ministero degli Esteri, il Comune ha deciso di avviare una pratica legale la soppressione del matrimonio registrato nel 2008.

«Alla riga "la sposa" compariva il nome Francoise. Da qui mi sembra di capire sia nato l’equivoco», ha spiegato all’Adnkronos, Mauro Dal Zilio (Lega Nord), sindaco appena eletto di Quinto di Treviso. «Sto – ha detto il sindaco – per incontrare i miei funzionari affinché mi sia chiarita questa vicenda dopo che già nel mese di settembre era arrivata la prima richiesta di chiarimento da parte del ministero degli Esteri». Lo Stato dove si contrae il matrimonio, spiega il sindaco, viene contattata l’ambasciata e poi la documentazione, da lì viene trasmessa al comune di residenza che provvede ad annotare le nozze

«Da quello che ho capito – ha spiegato il ancora il sindaco – è che questi signori, perché non mi sento proprio di chiamarli coppia, sono stati a San Francisco e li si sono sposati e, come da prassi, il documento è stato trasferito al consolato il quale lo trasmette al comune che lo registra». «Sulla vicenda stiamo chiarendo, visto che non è accaduta sotto la mia amministrazione – ha concluso Dal Zilio – ma la mia personale opinione è che ognuno può fare nella vita ciò che vuole ma sono dell’idea che una coppia è formata imprescindibilemente da uomo e donna».

In giornata è spuntata anche l’ipotesi di una richiesta di risarcimento per danni d’immagine che il Sindaco potrebbe chiedere ai due uomini. In quel caso al danno si aggiungerebbe la beffa. L’ultima parola sul matrimonio dei due spetterà in ogni caso al Tribunale di Treviso. Fino a quel momento il matrimonio rimarrà valido a tutti gli effetti.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...