Concia: “I giudici facciano coming out”

La deputata auspica che i magistrati gay seguano l’esempio dei colleghi stranieri e facciano coming out. Un loro intervento a favore delle battaglie sui diritti civili ne aumenterebbe il gradimento.

Paola Concia, ospite di Klaus Davi a Klauscondicio, ha parlato della sentenza della Corte Costituzionale sui matrimoni gay auspicando che qualche magistrato gay faccia il suo coming out. «Come succede in altri Paesi, come accade negli Stati Uniti o in Germania, se le figure di equilibrio sociale e di grande visibilità pubblica possono vivere serenamente la propria omosessualità è maggiore l’accettazione sociale".

"Intendiamoci – ha spiegato la deputata del Pd -, il coming out deve essere spontaneo e non intendo certo obbligare nessuno a un simile passo. Mi limito, però, a considerare che nei Paesi civili, più civili del nostro, viene fatto con serenità. I giudici oggi in Italia, per tantissime ragioni, per gli attacchi che ricevono, per i problemi che esistono negli equilibri fra i poteri dello Stato, sono figure importantissime. È chiaro che un loro intervento a favore delle battaglie sui diritti civili ne aumenterebbe il gradimento".

Nel corso del programma, Concia ha passato in rassegna i giudici gay e lesbiche che siedono nei massimi organi di giustizia nel mondo: "Si va da Paul Feinman, giudice della Corte suprema dello stato di New York, a Sir Terence Etherton, avvocato della Corte d’Appello inglese, fino ad Adrian Fulford, giudice della Corte Suprema inglese e membro della Corte Penale Internazionale. In Spagna si distingue il giudice Fernando Grande-Marlaska, membro dell’Audienca Nacional. Sempre negli Usa, ci sono Deborah Batts, giudice Federale, nominata da Clinton, Thomas Chiola giudice gay a Chicago e Michael Sonberg, giudice di New York. Un altro giudice lesbica siede a capo del Tribunale federale dei reclami, mentre Maria Dameo è stata nominata da Obama alla Corte Superiore di Washington. In Italia – ha concluso – nessuno. È mai possibile?".

Ti suggeriamo anche  Jessica Platt, giocatrice di hockey canadese fa coming out: 'sono un'atleta transgender'