“L’Aids è di moda”: la campagna a favore di Anlaids infiamma il web

Sta facendo discutere l’ad con protagoniste Donatella Versace e Franca Sozzani

Si torna a parlare di Convivio, la manifestazione biennale organizzata per ANLAIDS

(Associazione Nazionale per la Lotta contro l’Aids) il cui scopo è quello di raccogliere fondi per la ricerca sulla malattia, un vero e proprio stigma sociale ancora tabù per molti.

La bellissima idea è nata negli anni ’90 da una iniziativa -tra gli altri- di due big della moda come Giorgio Armani e Gianni Versace, quest’anno si terrà dal 7 al 12 giugno a Milano in Fiera, e consiste nel creare un enorme mercato del fashion animato da decine di volontari ANLAIDS tramutati per l’occasione in “commessi” dediti alla vendita a scopo benefico dei capi di moda delle numerose griffe che aderiscono all’iniziativa regalando i propri capi, ad un prezzo più accessibile, spesso scontato del 50% e oltre.

Quest’anno se ne parla però non (solo) per l’evento in sé, ma soprattutto per la campagna promozionale ideata per pubblicizzarlo: lo slogan “L’Aids è di moda: meglio Fashion Victim che Aids

Victim campeggia sui volti della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani e della woman in charge della maison Versace, Donatella.

Una campagna così provocatoria non poteva che infiammare i social: ecco le reazioni di alcuni influencer e persone comuni.

GRANDE FRANK!Ottimo. Una provocazione ardita e veramente progressista. Il progresso sta nello sdoganare una malattia…

Pubblicato da Giuliano Federico su Lunedì 4 aprile 2016

una roba delinquenziale #convivio2016 #aids #donatella #franca

Pubblicato da Spetteguless su Lunedì 4 aprile 2016

Il web si è diviso tra chi apprezza la forte vena provocatoria del messaggio, utile per sensibilizzare e destabilizzare il grande pubblico su una tematica così importante, e in un certo senso pericolosamente accantonata negli ultimi anni (tema che Gay.it continua a trattare e a evidenziare), e chi trova l’idea di cattivo gusto, volta a strumentalizzare una questione più complicata e a equiparare impropriamente l’HIV con l’AIDS.

A prescindere da ogni giudizio di sorta, l’importante è che se ne parli. I dati parlano chiaro: in Italia ci sono 4.000 i nuovi casi di sieropositività ogni anno e il dato e in aumento. Sensiblilizzare sul tema è doveroso, così come partecipare:

per aderire come volontari, per maggiori informazioni o per contribuire alla causa, chiamate lo 02-33608680 o scrivete a volontari@conviviomilano.it.

1 commento su ““L’Aids è di moda”: la campagna a favore di Anlaids infiamma il web

  1. Equiparare impropriamente? L’infezione da HIV è la radice dell’AIDS. Ed è solo la chemioteapia HAART che rallenta la degenerazione del sistema immunitario e l’insorgere del quadro sintomatico dell’AIDS.

    L’infezione da HIV non trattata è equivalente a l’AIDS.

    L’infezione da HIV anche se trattata sul lungo periodo finirà per essere equivalente all’AIDS.

    Ed è proprio la sindrome da immunodeficienza acquisita che va usato come spauracchio per spingere la gente sia a usare i preservativi che a farsi periodicamente il test per poter intervenire immediatamente.

Lascia un commento

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dentista caccia sieropositivo, l’associazione nazionale lo difende: le parole del...

Botta e risposta tra il Gay Center e l'ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che è così intervenuta sul caso della...

di Federico Boni | 14 Gennaio 2019