Coppia colombiana nell’occhio del ciclone per il presepe gay

Una coppia gay che vive in Colombia ha pubblicato le foto del presepe gay realizzato dentro casa, ma su Twitter e Facebook è scoppiata la polemica: “E blasfemia”.

Una coppia gay colombiana è finita nell’occhio del ciclone per  aver diffuso le immagini del presepe che ha realizzato in casa propria e che ha definito una "scena omsessuale della natività" senza figure femminili.

Secodno quanto riporta il New York Daily News, migliaia di colombani sono intervenuti su Twitter e Facebook contro Andrés Vásquez e Felipe Cárdenas attaccati per blasfemia, mentre la chiesa colombiana ha definito l’iniziativa "blasfema".

Vale la pena ricordare che il presepe, comunque, si trova a casa loro dove possono vederlo solo i loro amici, i parenti e le persone invitate, non è certo in una vetrina di un negozio sulla strada principale della Capitale.

Andrés, che fa l’analista politico e l’imprenditore Felipe vivono una storia da quattro anni e tre mesi fa si sono uniti con il rito delle unioni civili permesso dalle leggi colombiane.

I due hanno dichiarato alla stampa che sperano in questo modo di riportare all’attenzione la discussione sul matrimonio gay e sulla legge che vorrebbe istituirlo che al momento giace in parlamento.

Ti suggeriamo anche  Russia ai Mondiali, 130.000 sterline raccolte a sua insaputa per le associazioni LGBT