Coppie di fatto, Gaylib si appella a Berlusconi

di

La nomina del cattolico Marco Follini alla vicepresidenza del Consiglio dei Ministri preoccupa GayLib riguardo alla possibili5tà di ottenere il riconoscimento dei diritti gay.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1042 0

ROMA – La nomina del cattolico Marco Follini (segretario dell’Udc) alla vicepresidenza del Consiglio dei Ministri preoccupa GayLib, l’associazione di gay liberali e di centrodestra, riguardo alla possibili5tà di ottenere il riconoscimento dei diritti gay.
«E’ necessario – afferma il direttivo dell’associazione – un intervento incisivo del Premier, Silvio Berlusconi in favore delle proposte liberali per il riconoscimento giuridico della coppia omosessuale e della lotta contro la discriminazione su base sessuale-identitaria».
Ribadendo altresì la fiducia nell’operato del Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, GayLib auspica – in vista delle prossime scadenze elettorali – una maggiore attenzione alle richieste dell’elettorato laico della Cdl e una più viva sensibilità verso le esigenze reali dell’intera comunità glbt (gay-lesbo-bisex-trans) italiana.
Dalle colonne della rubrica “La Gaya Destra” sull’Indipendente di ieri, Daniele Priori, vicepresidente dell’associazione, afferma: «Chissà che Silvio, prima del 2006, non si illumini di immenso e dia – dopo i giudici costituzionali – uno sguardo all’arcobaleno gay. Anche una sua sola parola vorrebbe dire molto in questo momento».
L’obiettivo di Priori e di GayLib è quello di “svegliare la coscienza dell’uomo di Palazzo Chigi nella settimana del ritorno al potere della Balena bianca e del suo luogotenente, Marco Follini (segretario dell’Udc) alla vicepresidenza del Consiglio dei Ministri”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...