Corsi di formazione per dipendenti su omosessualità al via

Partirà domani un corso di formazione e informazione, riservato ai dipendenti capitolini, sui temi dell’omosessualità. A promuoverlo il Comune. Nel frattempo, la Polverini parla di matrimoni gay

Roma – L’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma, a partire da domani, mercoledì 17 febbraio, promuove un corso di formazione e informazione, riservato ai dipendenti capitolini, sui temi dell’omosessualità e delle tematiche ad essa correlate.

L’iniziativa, promossa dal ”Tavolo di coordinamento permanente sull’identita’ di genere e l’orientamento sessuale”, che annovera, oltre ai rappresentanti del Campidoglio, 17 associazioni, fondazioni e organizzazioni, tra le quali il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Agedo Roma, Arcigay, Arcilesbica, Azione Trans, Di Gay Project e CGIL-Ufficio Nuovi Diritti., durerà quasi due mesi.

Il ciclo di incontri dal titolo ”Orientamento sessuale e identita’ di genere” inizia domani con un primo seminario finalizzato a fare chiarezza sui termini gay, lesbica, eterosessuale, transessuale e bisessuale e si concludera’ il prossimo 6 aprile, alla presenza dell’assessore capitolino alle Politiche Culturali e della Comunicazione, Umberto Croppi, al termine di un percorso formativo articolato in sei incontri: il 23 febbraio il programma prevede un incontro sui temi dell’omosessualita’, omofobia e coming out, mentre il 2 marzo su Trans e Transfobia. Nell’appuntamento della settimana successiva, il 9 marzo, verra’ poi affrontato l’argomento ”Corpo, sessualita’, identita’: il ruolo dei processi culturali nella definizione dei quadri normativi”, mentre il 30 marzo sara’ dedicato alla questione del ”Come relazionarsi con le persone Lgbt: promuovere la sicurezza”. Il corso, rivolto in particolare ai dipendenti degli uffici anagrafici degli Urp e del corpo di polizia municipale, avra’ luogo presso la Scuola di Formazione Vigili Urbani di piazza di Cinecitta’ 11 nel Municipio X.  

Ti suggeriamo anche  Mister Gay 2018 eletto in Polonia nonostante le proteste degli omofobi

Nella corsa alla Presidenza della Regione, intanto, Renata Polverini è tornata a parlare di omosessualità, dopo l’apertura alle coppie di fatto che tanto clamore ha suscitato un paio di settimane fa. Intervistata da Klaus David, la candidata del Centrodestra ha confidato: "Ho tanti amici gay, tra cui una del Pd, Paola Concia, e non penso che il matrimonio o l’adozione siano una loro priorità. Le persone che conosco io vogliono semplicemente poter vivere serenamente questa loro condizione".

Immediata la replica di Anna Paola Concia, deputata Pd, che le ha così risposto: "Capisco le esigenze elettorali ma Renata sa bene che, da amica, l´ho invitata al mio matrimonio e lei ha accettato".

 

di Federico Boni