Corte di Appello di Milano: ‘pensione di reversibilità anche ai superstiti LGBT impossibilitati ad unirsi civilmente’

di

La sentenza si lega alla vicenda del Prof. Zanola e dell’Arch. Borsato, insieme per oltre 40 anni sino alla morte di quest'ultimo nel 2015.

CONDIVIDI
1.3k Condivisioni Facebook 1.3k Twitter Google WhatsApp
3591 0

Storica sentenza da parte della Corte d’Appello di Milano, che ha sancito il diritto alla pensione di reversibilità anche ai superstiti nelle coppie dello stesso sesso che non hanno potuto formalizzare la propria unione per mancanza di una legge.

La sentenza, prima di questo genere, è stata ottenuta dagli avvocati e dalle avvocate di Avvocatura per i Diritti LGBTI – Rete Lenford, ed è legata alla vicenda del Prof. Zanola e dell’Arch. Borsato, insieme per oltre 40 anni sino alla morte di quest’ultimo nel 2015, senza aver potuto coronare il comune desiderio di formalizzare la loro relazione a causa dell’impossibilità, per le coppie dello stesso sesso, di unirsi in matrimonio.

Nella Sentenza n. 1005/2018, la Corte d’Appello di Milano ricorda che nel nostro ordinamento la pensione al superstite “attua il permanere della solidarietà familiare oltre l’evento morte del lavoratore, solidarietà familiare che all’interno della coppia omosessuale stabile non può che essere rivolta a favore del partner al quale non è stato consentito unirsi in matrimonio”. Infatti, l’assenza di una legge, prima delle unioni civili, impediva alle coppie dello stesso sesso di “istituzionalizzare la relazione familiare”, che tuttavia era esistente e tutelata dall’art. 2 della Costituzione, come più volte affermato dalla Corte costituzionale e da quella di Cassazione.

Per questo la Corte d’Appello conclude che “il diritto al trattamento pensionistico di reversibilità, costituzionalmente garantito e rientrante tra i diritti/doveri di assistenza e solidarietà propri delle relazioni affettive di coppia” deve essere riconosciuto “anche al partner superstite [della coppia omosessuale] come diretta applicazione dell’articolo 2 della Costituzione; riconoscimento che può essere fatto dal giudice comune senza la necessità di porre la questione al vaglio della Corte Costituzionale”.

La Sentenza – dichiara la Presidente di Avvocatura per i diritti LGBTI- Rete Lenford Avvocata Miryam Camilleriè un enorme risultato. Il lavoro delle Colleghe e dei Colleghi dell’Associazione è stato coronato dal successo. Un successo frutto di studio, dedizione e lavoro. E’ una soddisfazione aiutare le persone a ottenere le tutele che la nostra Costituzione garantisce a tutte e tutti noi“. “Il caso deciso dalla Corte milanese ci ricorda quanto dannosa sia stata l’inattività del legislatore italiano in tutti questi anni. Questa pronuncia rende evidente che si rispetta lo spirito della Costituzione solo se si riconosce alle famiglie omosessuali la stessa dignità sociale di tutte le altre famiglie. Ma siamo ben lontani da questo traguardo, nonostante la legge sulle unioni civili .

Leggi   CitizenGo chiede l'eliminazione dei colori rainbow nella metro di Milano
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...