Cota ritira il patrocinio regionale al Pride piemontese

Appena eletto Presidente della Regione, il leghista Cota annuncia di voler difendere la famiglia togliendo il patrocinio concesso da Mercedes Bresso e una dura battaglia contro la RU486.

Non ha ancora fatto in tempo a sedersi sulla sua poltrona di Presidente della Regione Piemonte, che il leghista Roberto Cota ha già messo i puntini sulle "i" in tema di diritti e di politiche di genere. Dal salotto di Bruno Vespa, infatti, Cota ha fatto sapere che ritirerà quanto prima il patrocinio che Mercedes Bresso aveva dato al Pride regionale, elevandosi così a paladino della famiglia al contrario, addirittura, di Rocco Buttiglione, reo di avere sostenuto proprio la Bresso (e quindi anche il patrocinio al Pride, secondo Cota) alle ultime elezioni regionali.

Non contento di questo, proprio mentre gli ospedali di tutta Italia si preparano ad iniziare da domani la somministrazione della RU486, la cosiddetta pillola abortiva, durante "La telefonata " di Canale 5 il neo presidente piemontese ha dichiarato che farà il possibile perché gli stock già ordinati dalla precedente giunta reginale restino inutilizzati nei magazzini. Per la serie: cominciamo "bene" (oppure "come volevasi dimostrare", a voi la scelta).

Ti suggeriamo anche  Giovanardi definisce le nozze tra le due marinaie una 'goliardata in alta uniforme'