COUNTDOWN PER LA FIACCOLATA

Mancano poche ore al micropride contro l’omofobia. Ecco le ultime notizie sull’evento: la disponibilità della questura, il silenzio del CIG e la ricetta ideale per la fiaccola fai-da-te.

MILANO – Manca davvero poco al concentramento delle ore 21 in Piazza Oberdan (P.Ta Venezia) da cui partirà la fiaccolata che percorrerà corso Venezia e si concluderà in Piazza San Babila. Gran fermento e grande aspettativa su tutte le pagine dedicate in sito creato appositamente per l’evento dai promotori dell’evento (che ricordiamo non fanno capo a nessun movimento glbtq o organizzazione politica) per raccogliere le loro idee.  Da questo forum emerge peraltro la notizia che Arci Gay Milano non ha dato comunicazione ai propri iscritti della fiaccolata, almeno non tramite le sue mailing list.

 

In effetti sul sito ufficiale della più grande associazione gay milanese non vi è nessun cenno all’evento e in homepage campeggia la foto di Paris Hilton, in qualità di special guest di una delle prossime serate del Borgo. Molte sul forum anche le testimonianze di privati cittadini (anche dell’hinterland o delle città vicine) che hanno dato il loro sostegno, la propria adesione, o magari soltanto raccontato episodi di omofobia in città di cui sono stati oggetto o soltanto testimoni.

 

I bandiere prive di simboli, e si è dimostrata molto disponibile; Christian, il proprietario, si è addirittura offerto di applicare uno sconto sulle bandiere.

A tra poco allora con tanti rainbow e moltissime candele accese.

 

Per concludere ecco la ricetta per le fiaccole. Tempo di preparazione: 1 minuto e mezzo. Difficoltà: non pervenuta. Ingredienti: una candela lunga, un bicchiere di plastica, un taglierino, un accendino o fiammifero. Preparazione: praticate un taglio a croce sul fondo del bicchiere di plastica. In alternativa potete fare un foro, anche con l’ausilio della fiamma. Inserite la candela dal basso, in modo che lo stoppino rimanga all’interno del bicchiere. Accendete la candela e marciate liberi e felici, al riparo dal vento.

Ti suggeriamo anche  "Milano e 50 anni di Movimento LGBT*", al via la mostra gratuita