Crema, esposto al prefetto contro la registrazione dei bimbi delle famiglie arcobaleno

La richiesta è a firma dei vertici locali di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Spetterà ora all’ufficiale dello stato a Cremona decidere se la registrazione dei bimbi delle famiglie arcobaleno va annullata.

Dopo averlo annunciato, il centrodestra cremasco è passato ai fatti. I rappresentanti dei tre partiti, Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, hanno presentato un esposto al prefetto per chiedere l’annullamento della registrazione dei figli delle famiglie arcobaleno.

Andrea Agazzi della Lega, Giovanni De Grazia di FdI e Gianmario Donida di FI, hanno chiesto al prefetto Paola Picciafuochi di verificare l’operato del sindaco quale ufficiale di Stato Civile e l’annullamento gerarchico della trascrizione di due gemelli come figli di due papà.

Stefania Bonaldi sindaco crema
La sindaca di Crema Stefania Bonaldi.

Un attacco frontale alle famiglie arcobaleno e alla sindaca di Crema Stefania Bonaldi, che aveva contattato di sua iniziativa i due papà chiedendo loro se volessero rettificare l’atto di nascita dei propri figli, che fino ad allora contava un solo genitore.

La città lombarda, a guida PD, ha deciso di seguire Torino e gli altri comuni nella “primavera arcobaleno”, anticipando e adeguandosi ai tanti pronunciamenti dei giudici in materia, che hanno voluto tutelare i bambini riconoscendo la doppia paternità o doppia maternità delle famiglie omogenitoriali.

LEGGI ANCHE

Storie

Milano, il tribunale ordina per la quinta volta di trascrivere...

Il Comune di Milano si era rifiutato di procedere alla rettificazione dell’atto di nascita trascritto in Italia.

di Federico Boni | 7 Febbraio 2019

Storie

ll senatore leghista Pillon: “Vieteremo l’aborto, come in Argentina”

E sulle coppie arcobaleno ha detto: "Un ragazzo ha il diritto di avere una madre e un padre. Non farei prove...

di Redazione | 14 Agosto 2018

Storie

Il ministro Fraccaro: “Prefetti non possono annullare la trascrizione dei...

Così il governo ha risposto in Aula all'interrogazione di Fratelli d'Italia.

di Gianluca Pellizzoni | 21 Giugno 2018