Cremona, drag queen leggono favole ai bimbi: l’attacco della Lega

Alessandro Zagni, consigliere leghista, all’attacco del Comune di Cremona, che ha patrocinato un evento con due drag narratrici di favole.

Chi ha paura delle drag queen? Furenti e assurde polemiche a Cremona per un evento andato in scena all’Arci Festa, nella serata di ieri, con il patrocinio e la collaborazione del Comune, guidato dal sindaco di centrosinistra Gianluca Galimberti.

Racconti senza barriere’ il titolo dello spettacolo, con due drag queen, Priscilla e La Notte Brilla, chiamate a narrare storie per i bambini.

Apriti cielo. Alessandro Zagni, consigliere comunale della Lega, ha sparato a zero sui social: «Una drag queen intrattiene i bambini con i racconti senza barriere, il tutto con il patrocinio e la collaborazione del Comune. Sono questi i riferimenti della sinistra per la crescita dei nostri figli? Non ho nulla contro le persone in questione, ci mancherebbe. E nemmeno critico l’organizzazione che liberamente organizza l’evento. Io critico la scelta dell’amministrazione comunale di contribuire a sostenere questo tipo di momento educativo per i nostri figli».

Detto dall’esponente di un partito politico il cui leader, nonché ministro e vicepremier, è stato ritratto a petto nudo in spiaggia, con la lingua di fuori davanti a succinte cubiste che danzavano sulle note dell’inno di Mameli, fa alquanto ridere. Per non dire piangere.

Ti suggeriamo anche  Il Comune di Napoli contro violenza di genere e omofobia

1 commento su “Cremona, drag queen leggono favole ai bimbi: l’attacco della Lega

  1. Lo sappiamo tutti che quando si dice prima gli italiani, alla fine finisce che godono di enormi privilegi i lecchini e gli scagnozzi del capo-popolo, dai giornalisti con la lingua più lunga di un tappeto indiano a quelli in divisa che sembrano più manovalanza mafiosa che ff oo mentre gli altri, gay in primis, invece finiscono nel calderone degli esclusi, degli ultimi, insieme ai migranti.

Lascia un commento