“Sono sposato, ho due figlie ma ho trovato il coraggio di fare coming out”, la storia di Cristian in diretta radio – AUDIO

“Mia figlia mi ha detto che l’unica cosa che conta è la mia felicità. E che per lei sarò sempre suo padre. Mi ha stupito ed emozionato”.

Sono circa le tre di notte quando Cristian telefona al numero 063131 della trasmissione radio “I Lunatici”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta ogni notte su Rai Radio2.

L’uomo, padre di famiglia, ha una confessione da fare, come riportato da Dagospia.

Sono sposato, ho due figlie ma ho finalmente trovato il coraggio di fare coming out. Di dire alla mia famiglia che sono gay. Sono andato a vivere con il mio compagno dopo 20 anni di matrimonio. Anche il mio compagno è separato. Lui di figli ne ha tre. Sia le mie figlie che i suoi ci hanno dato la loro benedizione. Ho 47 anni. Sto vivendo una storia d’amore molto intensa, il mio compagno di anni ne ha 44. Lui ha fatto coming out due mesi fa. Il momento in cui ne ho parlato con mia moglie? Drammatico.

Eppure Cristian ha trovato il coraggio e la forza di gettare la maschera, smettendola con le menzogne.

E’ stata una cosa che mi portavo dentro da anni. L’ho messa davanti a una decisione, non è stata una scelta maturata di comune accordo. Lei non si era mai accorta di nulla. Tutto il resto del mondo sì, lei no. Comunque lei è una donna stupenda. Ci è stata e ci sta male, però non mi fa ritorsioni e soffre del fatto che non glielo abbia detto prima. Io di essere gay l’ho scoperto 15 anni fa. Ho cercato di far finta di niente, di non pensarci, ma alla fine ho deciso di essere veramente me stesso. Il mondo gay, per quello che ho avuto modo di vedere, è fatto di mordi e fuggi a livello sessuale. Mentre con il mio compagno c’è stato un corteggiamento lungo, vecchio stampo. E’ stata da subito una cosa seria.

15 anni di bugie e di silenzi, di pura e semplice repressione, che ora è stata finalmente archiviata. Con l’abbraccio delle figlie.

Io ho una figlia di 21 anni, lui ne ha una di 18. Poi ne abbiamo anche di più piccoli, che ancora non lo sanno. La terapista che ci sta seguendo ci ha sconsigliato di dirlo ai piccoli. Le grandi, invece, hanno reagito bene. Non me l’aspettavo. Mia figlia mi ha detto che l’unica cosa che conta è la mia felicità. E che per lei sarò sempre suo padre. Mi ha stupito ed emozionato.