DALLA PARTE DEI GAY

Il ministro Prestigiacomo condanna i manifesti antigay di Forza Nuova a Padova, e annuncia la creazione di un gruppo di studio su sessualità e discriminazione.

ROMA. Stefania Prestigiacomo esiste e lotta con noi. Il ministro della Pari Opportunità si è finalmente schierata dalla parte dei gay e contro Forza Nuova durante il question time alla Camera, riferendosi alla diffusione dei manifesti razzisti della destra estrema al Gay Pride di Padova. Non solo: il ministro ha anche annunciato la creazione, presso il ministero, di un gruppo di studio su sessualità e discriminazione, e di un ufficio "’ad hoc’ per il controllo e la garanzia della parità di trattamento", che svolga attività di promozione dell’uguaglianza, e di rimozione delle discriminazioni relativamente alla razza e all’origine etnica. Ed è un segnale molto importante che l’istituzione di questo ‘ufficio’ sia stata annunciata dal ministro Prestigiacomo proprio rispondendo a un’interrogazione della parlamentare di Rifondazione comunista Elettra Deiana, che chiedeva al Governo di prendere posizione relativamente all’intolleranza dimostrata con la diffusione di manifesti razzisti da parte di Forza Nuova durante il Gay Pride di Padova dell’8 giugno.

Quando Elettra Deiana ha chiesto quali iniziative il governo intendesse mettere in campo per la diffusione di una cultura di tolleranza, il ministro Prestigiacomo (foto) ha condannato ogni forma di discriminazione. "L’iniziativa dei manifesti di Forza Nuova – ha detto Prestigiacomo senza esitazioni – è da condannare. Si associano infatti i temi della pedofilia alla condizione dell’omosessualità e delle relazioni sentimentali tra persone con diverso colore della pelle, lanciando così un messaggio fuorviante, discriminatorio e razzista". La posizione del governo di fronte a simili iniziative, ha aggiunto, "non può che essere di condanna e, interpellata la Prefettura di Padova, è stata confermata la rimozione dei manifesti. La nostra Costituzione – ha quindi ricordato il ministro – tutela ampiamente la libertà, l’integrità e la dignità delle persone e sancisce il principio di uguaglianza, vietando forme di discriminazione fondate sul colore della pelle e le tendenze sessuali, così come fanno gli strumenti del diritto internazionale comunitario".

Ti suggeriamo anche  Silvana De Mari, domani l'udienza per chiedere il rinvio a giudizio

La Prestigiacomo ha toccato un altro tasto importante per la comunità gay, quando ha finalmente chiarito che è sbagliato associare i temi della pedofilia alle relazioni sentimentali e sessuali tra persone dello stesso sesso o di diverse razze: in un momento in cui l’ignoranza spinge formazioni estreme e intolleranti a confondere un reato con un diritto, è confortante avere un appoggio istituzionale che si misura dunque sul terreno della cultura oltre che dei diritti. Il ministro alle Pari Opportunità ha quindi dichiarato la sua piena condivisione della "necessità di avviare inziative che diffondano una cultura basata sul rispetto delle diversità". Da qui l’istituzione di un ufficio a tutela della parità di trattamento e il recente insediamento presso il dipartimento per le Pari Opportunità di un gruppo di studio su sessualità, discriminazioni e integrazione sociale "con il compito di approfondire tutti i profili che ancora oggi possono risultare discriminati al fine di elaborare proposte dirette alla rimozione delle cause di tali fenomeni". Il ministro Prestigiacomo ha infine respinto qualunque associazione tra comportamenti razzisti e la recente legge sull’immigrazione che, ha concluso, "nulla ha a che vedere con comportamenti discriminatori", rispondendo alla parlamentare Deiana che l’aveva tirata in ballo.