Dalla Romania in Italia per cambiare sesso

Per gay e trans di alcuni paesi addirittura l’Italia può sembrare un isola felice. Adrian Visan è venuto da noi per cambiare sesso. Nel suo paese le violenze sono all’ordine del giorno.

Torino – «Sono venuto in Italia perché qui c’è la possibilità di fare la transizione di genere e cambiare sesso, in Romania no. Ho venduto casa e tutto quello che avevo e ho intrapreso una strada difficile, ora sono qua, lavoro e sono contento, pur tra mille difficoltà».

Non solo persone che sfuggono alla miseria e non solo gente in cerca di un lavoro: dalla Romania arrivano in Italia molte persone discriminate per la loro sessualità. Come Adrian Visan, 38 anni, un ragazzo, che ha intrapreso il percorso per diventare uomo anche sui documenti, e che ha portato la sua testimonianza al convegno che si è svolto oggi, presso il Gruppo Abele di Torino, sulla transessualità e sulle difficoltà di inserimento lavorativo delle persone che cambiano genere.

«Anche se la Romania è entrata nell’Unione Europea – spiega Adrian, in Italia da sette anni, di cui tre trascorsi come irregolare – in quel paese chi si rende visibile e vive alla luce del sole la sua identità sessuale, è un uomo o una donna morta. Prima di venire in Italia ho subito arresti, sono stato in carcere, mi chiedevano di rendere conto sul perché vivessi in questo modo e mi vestissi da uomo, mi accusavano di avere documenti falsificati o rubati. Non solo i transessuali, ma anche i gay spesso sono oggetto di violenze, picchiati a sangue per il solo motivo di essere omosessuali".

Ti suggeriamo anche  Romania, fa flop il referendum contro il matrimonio egualitario

 

Adrian spera che i fatti di Roma e le discussioni sul decreto sicurezza non rendano ancora più arduo un cammino già tormentato pe molti altri motivi: «Mi dispiace tantissimo di quanto è successo, mi spiace anche di non avere la forza di dire tutto quello che potrei dire, ho troppe cose da fare e a cui pensare, ma credo che chi compie gesti di questo tipo vada punito».

Alcuni italiani, invece, non la pensano come lui. Peccato.

Donne

Renault Clio, il meraviglioso spot con una storia d’amore lesbica – video

130 secondi di pure emozioni arcobaleno. Vedere per credere.

di Federico Boni