Danimarca, arriva una legge che consentirebbe ai minori di cambiare il genere

Quasi tutti i i partiti politici, compresi i socialdemocratici, i social liberali e i partiti liberali, hanno detto sì ad una nuova legge.

Vi è un ampio sostegno politico in Danimarca per un cambiamento nella legge che consentirebbe alle persone transgender e non binarie che hanno meno di 18 anni di cambiare legalmente il proprio genere.

La Danimarca, come dimenticarlo, ha permesso alle persone di età superiore ai 18 anni di cambiare legalmente il proprio genere nel 2014, ma quella stessa legge esclude ad oggi gli adolescenti trans e non binari. Ma qualcosa potrebbe presto cambiare. La maggior parte dei partiti politici, compresi i socialdemocratici, la Red Green Alliance, i social liberali e i partiti liberali, hanno esternato il proprio sostegno ad un cambiamento nella legge, che consentirebbe anche ai minorenni di cambiare legalmente il proprio genere.

In Danimarca, la Central Personal Registration (CPR) fornisce l’accesso al sistema sanitario pubblico, ma il numero di ogni persona corrisponde al rispettivo genere. Ciò significa che le persone trans e non binarie possono affrontare difficoltà nell’accesso all’assistenza sanitaria danese, a meno che non abbiano modificato legalmente il proprio genere.

“Sappiamo che significa molto per i bambini che non si identificano come il genere indicato dal loro numero CPR. Li mette in molte situazioni scomode”, ha detto Mai Villadsen, portavoce di Red Green.

Nel 2018, il governo precedente aveva istituito un panel per discutere della questione come parte del suo piano sull’uguaglianza LGBTI. Quel gruppo di esperti non ha ancora raggiunto una conclusione, ma tutti i partiti presenti sono ora orientati al cambiamento. Un portavoce del partito liberale ha affermato di essere favorevole all’idea, così come un portavoce dei socialdemocratici. I socialisti liberali, invece, chiedono un limite minimo ai 15 anni.

Ti suggeriamo anche  Laverne Cox finalmente innamorata: 'L'ho trovato su Tinder'

Le leggi cambiano da Paese in Paese, quando si tratta di autoidentificazione per persone trans e non binarie. Nel Regno Unito, il Gender Recognition Act chiede alle persone trans di vivere con il genere con cui si identificano per due anni, prima di poterlo cambiare  legalmente. Ma devono essere maggiorenni, per poterlo fare. I Paesi Bassi, invece, hanno modificato la propria legge pochi mesi fa, consentendo alle persone transgender di cambiare genere sui passaporti prima dei 16 anni. In Italia la riattribuzione del genere e il cambio di sesso sono regolati dalla legge 164 del 1982, dispositivo diventato chiaramente obsoleto.