Derrick Burts è il “paziente Z” del porno

di

Il "paziente Z" del porno esce allo scoperto: "Condom obbligatori nei film". L'industria si era fermata dopo che la clinica dei pornodivi aveva annunciato di aver trovato un...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3008 0

Rompe il silenzio l’attore porno statunitense che lo scorso ottobre è risultato positivo al test dell’Hiv. Derrick Burts, protagonista di molti film sia etero che gay, ha chiesto all’industria del porno di rendere obbligatorio l’uso del profilattico nelle scene di sesso e di rendere più efficienti i controlli per le malattie a trasmissione sessuale.

Ventiquattro anni, Burts ha scoperto di avere l’Hiv dopo un test presso la Adult Industry Medical Healthcare Foundation, una struttura medica californiana riservata a chi lavora nel mondo della pornografia e che più volte ha lanciato l’allarme in casi simili. Nel cinema etero i test per l’Hiv sono piuttosto frequenti e l’attore era risultato negativo ad un controllo fatto il 3 settembre.

Burts ha accusato l’industria di non avergli garantito trattamenti medici adeguati dopo la scoperta della malattia. Per questo, si sarebbe rivolto alla Aids Helthcare Foundation, dove le cure invece lo avrebbero soddisfatto. È stata proprio questa istituzione a convincerlo a rompere il silenzio e a parlare apertamente dei rischi di malattie a trasmissione sessuale presenti nel cinema hard.

Burts ha chiesto l’uso obbligatorio del preservativo, quasi del tutto inutilizzato nelle produzioni eterosessuali e il cui uso è in declino anche nei film gay, che preferiscono sempre più realizzare film bareback.

Leggi   Francia, respinti gli immigrati sieropositivi
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...