Detenuto in Olanda il giovane iraniano scappato da Londra

di

Mehdi Kazemi, il diciannovenne che l'Inghilterra vuole rimpatriare in Iran dove rischia una condanna per sodomia, è attualmente recluso nel carcere di Zestienhoven. Domani un giudice lo ascolterà.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1225 0

Seyed Mehdi Kazemi, il ventenne iraniano omosessuale, membro del Gruppo EveryOne, che rischiava nei giorni scorsi il rimpatrio dall’Olanda al Regno Unito, dove lo attenderebbe la deportazione verso l’Iran e quindi la probabile condanna a morte per il reato di ‘sodomia’, si trova attualmente in custodia alle autorità olandesi nel centro di detenzione di Zestienhoven, nei pressi dell’aeroporto di Rotterdam.

Lo rende noto, con un comunicato stampa il Gruppo EveryOne che ieri aveva sollecitato l’ambasciata olandese a Roma perchè intercedesse presso il locale ufficio dell’immigrazione per permettere al ragazzo di contattare lo zio a Londra.

“Ieri, nel pomeriggio, Mehdi ha infatti chiamato lo zio, comunicandogli di trovarsi ancora all’interno del centro di detenzione a Rotterdam – fanno sapere da EveryOne Matteo Pegoraro, Roberto Malini e Dario Picciau -. Il ragazzo sta continuando lo sciopero della fame e domani è probabile che un ragazzo olandese, vicino all’associazione Gay Asylum UK possa fargli visita per convincerlo a interrompere il digiuno forzato. A quanto ci hanno riferito, Mehdi verrà ascoltato lunedì mattina da un giudice olandese e che deciderà poi se il ragazzo sarà rimandato con un volo nel Regno Unito o potrà rimanere in Olanda, secondo quanto dispone il Trattato di Dublino in materia di richiesta di asilo". 

Nonostante la soddisfazione per essere riusciti a concentrare l’attenzione sul giovane, anche grazie al Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito e di Nessuno Tocchi Caino, il Gruppo EveryOne "ritiene assolutamente indegno di un Paese civile come l’Olanda che un innocente venga detenuto in un centro come quello di Zestienhoven, dove sono noti episodi di intolleranza e abuso verso i detenuti, nonostante la sua condizione di perseguitato”.

Leggi   Sandro Mayer: morto il direttore di DiPiù. Le accuse di omofobia da Veronica Pivetti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...