Dieci anni fa moriva Giovanni Forti

Il giornalista, ricordato dal compagno Bret Shapiro nel libro "L’Intruso", si è spento il 3 aprile del 1992. Un ricordo di Valentino Parlato sul Manifesto.

Il 3 aprile del 1992, esattamente dieci anni fa, moriva Giovanni Forti, giornalista e intellettuale, compagno negli ultimi anni della sua vita di Bret Shapiro, che ne ha raccontato la morte nel magnifico libro "L’Intruso".

Valentino Parlato ha dedicato al collega (Forti collaborò a lungo col Manifesto, prima di approdare alla redazione dell’Espresso, per il quale è stato corrispondente dall’America) un commosso ricordo: «Giovanni Forti era una persona inquieta, contraddittoria, combattuta: gli mancava del tutto l’opportunismo della saggezza – scrive Parlato – Avrebbe potuto essere accettato in tutte le sue vesti, quella di omosessuale e di eterosessuale, di rivoluzionario e individualista, ma il suo merito è stato proprio quello di aver rifiutato tutte le uscite di sicurezza o, almeno, acquietanti».

Ti suggeriamo anche  Giuseppina La Delfa: "Anche senza tutele daremo corpo ai nostri sogni"